Cutgana

Progetto “Calypso follow on”: il 2 dicembre meeting finale a Catania

Calypso Radar Malta
26 nov 2015 - 19:02

CATANIA - Mercoledì 2 dicembre (ore 9), nell’aula magna del palazzo centrale dell’Università di Catania, si terrà il meeting finale del progetto “Calypso Follow on” organizzato dal centro di ricerca Cutgana.

Il progetto, realizzato con i fondi della programmazione ordinaria Italia-Malta 2007-2013, prevede il potenziamento del sistema Hf, costruito nel’ambito del progetto “Calypso”, con l’installazione di una quarta antenna a nord-ovest di Pozzallo nel porto turistico di Marina di Ragusa.

Apriranno i lavori il rettore Giacomo Pignataro, il presidente della commissione territorio, ambiente e beni ambientali del Senato, Giuseppe Marinello, il console onorario di MaltaChiara Calì, ed il project leader Calypso Fo (Università di Malta), Aldo Drago.

Seguiranno poi le relazioni di Francesco Andaloro (Ispra Sicilia), Enrico Antonino (Istituto idrografico della Marina Militare), Fulvio Capodici (Università di Palermo), Joel Azzopardi e Adam Gauci (Università di Malta), Georg Umgiesser e Anthony Galea (Cnr-Ismar Venice e Università di Malta) e Simone Cosoli (OGS-Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale di Trieste).

Già attivo dall’ottobre 2013, il sistema Hf permanente ed operativo consente di prevenire eventuali sversamenti di idrocarburi a tutela delle coste siciliane e maltesi con valorizzazione e sviluppo socio-economico. Inoltre, il sistema monitora le correnti marine superficiali nel canale siculo-maltese al fine di ottimizzare gli interventi in caso di sversamenti di idrocarburi accidentali e deliberati e/o di operazioni di Search and Rescue (SAR).

La partnership è costituita dall’Università di Malta, dall’Università di Palermo (polo territoriale universitario della Provincia di Trapani), dall’Iamc–Cnr di Capo Granitola, dal Cutgana dell’Università di Catania e da Arpa Sicilia.

 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento