Risparmio

Catania, sito web contro sprechi: online prodotti alimentari vicini alla scadenza

mazzola
16 giu 2015 - 16:57

CATANIA - L’idea è veramente semplice e forse per questo incontra grande interesse: mettere insieme sul web i commercianti che a fine giornata si ritrovano con il prodotto invenduto e i clienti sempre alla ricerca dell’offerta dell’ultimo minuto.

Alla presenza dell’assessore alle attività produttive Angela Mazzola nella sala giunta di Palazzo degli Elefanti è stata presentata la piattaforma informatica lastminute.it promossa da una start up sorta all’interno del Politecnico di Torino, che consente ai negozi con prodotti alimentari in eccedenza e prossimi alla scadenza di informare con immediatezza e semplicità i cittadini dell’opportunità di acquistarli a prezzi fortemente scontati, evitando così l’enorme spreco di alimenti che finiscono tra i rifiuti.

I clienti indicano a che distanza da casa (e/o dall’ufficio) vogliono ricevere le proposte, in tempo reale e da quali tipologie di negozio, ricevendo così solo le offerte vicine alla propria residenza e per le categorie di prodotto desiderate: “L’innovazione sta proprio nel tipo di utilizzo che viene fatto della tecnologia – ha sottolineato Angela Mazzola, assessore alle Attività Produttive della città di Catania-. Un’innovazione che soddisfa il negoziante che realizza un incasso aggiuntivo e vede entrare nuovi clienti nel proprio esercizio; ma è una soluzione che accontenta il cliente, che risparmia acquistando un prodotto fresco a un prezzo ridotto di molto. Un sistema all’avanguardia - ha aggiunto Mazzola - che è anche un’evoluzione digitale dei piccoli esercizi commerciali di prossimità che altrimenti rimarrebbero schiacciati dalla forza di promozione della grande distribuzione organizzata”.

All’incontro hanno partecipato anche Antonio Perdichizzi presidente giovani industriali della provincia di Catania, Giuseppe Giansiracusa di Legacoop, Francesco Tanasi per il Codacons e Orazio Arena per il Cidec e diversi funzionari dei servizi sociali comunali.

L’iniziativa sotto il profilo tecnico è stata illustrata da uno degli ideatori, Francesco Ardito e da Stefano La Barbera, giovane ingegnere siciliano direttore tecnico di Lastminutesottocasa.it il portale web su cui si svolge il rapporto telematico tra clientela e commercianti al dettaglio.

”Il progetto è nato in un quartiere di Torino - ha sottolineato Francesco Ardito – con l’idea che si potesse recuperare il pane invenduto a fine giornata; poi si sono aggiunti altri quartieri della città e altre tipologie di attività commerciali come pescherie, gastronomie, banchi del mercato di frutta e verdura tutti con il problema comune del prodotto fresco che a fine giornata, se non venduto, deve essere buttato. A nove mesi dal lancio ufficiale del progetto, abbiamo 30.000 utenti registrati e stiamo arrivando nelle principali città italiane. Anche per il suo valore etico l’obiettivo è quello di creare un network che cresca in tutto il territorio nazionale. Ci aspettiamo che Catania, polo dell’innovazione tecnologica della Sicilia, risponda con entusiasmo a questa iniziativa”.

“LastMinuteSottoCasa offre una soluzione semplice e immediata a un problema reale e importante quale lo spreco alimentare – continua Antonio Perdichizzi-. È una dimostrazione della possibilità di creare valore economico aggiunto quando si unisce un’intuizione imprenditoriale a una soluzione tecnologica che faciliti le attività commerciali e imprenditoriali, facendo leva sulla partecipazione diffusa degli attori coinvolti”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento