Pallanuoto femminile

La Waterpolo sfiora l’impresa, l’Ekipe è incostante

Claudia Marletta Orizzonte
30 apr 2016 - 16:57

L’Ekipe Orizzonte tiene duro per la salvezza. La Waterpolo Despar Messina, invece, si arrende alla forza della capolista Padova. È questo il bollettino della serie A1 femminile di pallanuoto, giunta alla terzultima giornata.

Come detto l’Orizzonte non ha più molto da chiedere al campionato, se non per togliersi delle soddisfazioni personali. La sconfitta con la Rapallo Pallanuoto, infatti, brucia tantissimo, soprattutto perché ha mostrato la poca costanza in vasca delle ragazze catanesi. Il primo tempo vede le padrone di casa tenere in mano il pallino del gioco. Dopo il pareggio della Grillo, infatti, le liguri allungano il passo e chiudono sul 4-1.

Nella seconda frazione di gioco, l’Ekipe prova a dare una scossa alla partita, portandosi in vantaggio. Ma le genovesi non demordono e ne viene fuori un tempo pirotecnico ricco di batti e ribatti, che finisce sul 4-4 e che mette il luce una splendida Marletta.

Nel terzo periodo, però, le etnee crollano sotto i colpi delle avversarie, che si prendono la scena e chiudono sul 6-1.

Negli ultimi 8 minuti l’Orizzonte prova a salvare la faccia dando battaglia. Un obiettivo centrato grazie al 4-4, ma che serve a poco dato che il 18-10 finale condanna le catanesi.

Diversa la storia per la Waterpolo Messina, che dà prova di grande forza contro la capolista, pur arrendendosi alla fine per 7-8. Il primo tempo, infatti, finisce sull’1-2 per le ospiti, che replicano nel secondo vincendo per 0-2. Le padrone di casa non ci stanno ed escono le unghie nel terzo periodo: grande spettacolo e 3-3 finale. Tutto ancora in gioco per quanto visto in vasca: nell’ultimo quarto le messinesi mettono paura alla prima della classe vincendo 3-1. Ma non basta, a gioire è la Plebiscito Padova.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA