Pallanuoto maschile

Ultima giornata da incubo per le siciliane in A2 Sud

Pallanuoto Maschile
21 mag 2016 - 19:33

Si conclude nel peggiore dei modi l’ultima giornata delle squadre siciliane in serie A2 Sud di pallanuoto: nessuna delle rappresentanti dell’Isola riesce a strappare una vittoria o un pareggio. La Muri Antichi si arrende ala stratosferica Roma Nuoto, la 7 Scogli alla Campolongo Salerno, il Te.Li.Mar. alla Roma 2007 e la Nuoto Catania al Civitavecchia. A conti fatti, però, nessuna rischia la retrocessione, alla quale sono condannate la Roma 2007 e la De Bo Aqavion.

La Nuoto Catania si fa rimontare dal Civitavecchia e si deve arrendere per 11-9. Bene i catanesi nel primo tempo, vinto per 2-4. Poi, però, il Civitavecchia mostra di avere forza e carattere, vincendo il secondo per 6-1. La partita diventa ancora più difficile nel terzo parziale, perso per 2-1, complice un rigore a favore degli avversari. Nell’ultimo quarto, però, la speranza di rimonta è ancora viva. La Nuoto Catania vince per 1-3, ma serve a poco nel risultato finale.

Sorte peggiore per la Muri Antichi, schiacciata dalla capolista Roma Nuoto per 15-3. Bene i capitolini nel primo e nel secondo tempo, vinti rispettivamente per 3-1 e 2-0. Devastanti nei due periodi dopo la pausa lunga, aggiudicati entrambi per 5-1.

Male anche il Te.Li.Mar., sconfitto per 9-7 dalla penultima in classifica, la Roma 2007. Palermitani poco cinici e convinti nei primi tre tempi, persi per 2-1, 3-1 e 3-0. Il tentativo di risposta arriva troppo tardi: l’1-5 dell’ultimo quarto serve a poco, anche se dimostra le qualità della squadra.

Amarezza, invece, per la 7 Scogli, costretta alla sconfitta dalla Campolongo Salerno per 9-3. Il successo dei campani viene costruito parziale dopo parziale. Al 2-0 del primo tempo, si aggiunge un altro piccolo vantaggio grazie al 2-1 del secondo. L’allungo prosegue grazie al 2-1 del terzo periodo. Il successo finale, al termine di una partita sostanzialmente equilibrata, arriva grazie al 3-1 degli ultimi 8 minuti.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA