Calcio

Trapani, che beffa al 95′! Il Cittadella vince una partita rocambolesca

1488314519820
28 feb 2017 - 22:41

TRAPANI – Il Trapani stava per assaporare un altro prezioso punto in chiave salvezza ma praticamente a tempo scaduto il “Tombolato” esplode ed il Cittadella vince 3-2. Il goal decisivo è di Manuel Iori, mentre per i granata sono andati a segno prima Coronado e poi Citro su rigore. Una partita che ha fatto divertire i sostenitori delle due squadre poiché entrambe hanno sempre giocato per la vittoria.

Per fare risultato contro la squadra di Roberto Venturato, Calori gioca con un 4-3-1-2 d’attacco ma allo stesso tempo equilibrato in fase di non possesso. Gioca Visconti sulla fascia come terzino, mentre gli altri tre difensori sono Fazio, Pagliarulo e Legittimo. Confermato il match winner della settimana scorsa Manconi in attacco insieme con l’ex Chievo Jallow. C’è anche Coronado come trequartista. Centrocampo a tre con Barillà, Maracchi e Colombatto.

Prima occasione dopo tre minuti per i trapanesi con Coronado, che come vedremo è in serata: sfruttando l’ottimo cross basso e teso di Maracchi, lo spagnolo riceve dentro l’area di rigore ma gira troppo con il destro e finisce di pochissimo fuori la porta difesa dall’estremo difensore avversario Alfonso. Granata comunque in attesa nei primi minuti ma ordinato, il Cittadella infatti è costretto ad allargare il gioco sulle fasce, senza risultato. Un primo tempo che però è di marca Trapani: il minuto è il ventesimo, Colombatto verticalizza per Jallow che la mette subito al centro dell’area per Manconi. Per pochissimo l’attaccante granata non arriva alla conclusione, con la possibilità di far goal.

La rete del vantaggio però, dopo una buona pressione e la volontà di passare avanti, arriva al 34′: Jallow si ritrova il pallone in area di rigore e calcia da posizione defilata. Bravissimo Alfonso a neutralizzare il tiro ma non a respingere la palla nella direzione giusta, perché infatti la sfera termina nell’area piccola e per Coronado, non in fuorigioco e indisturbato, è un gioco da ragazzi insaccare. 0-1.

Arrivato il goal del sorpasso, il Trapani decide di chiudersi completamente, negando ogni spazio al Cittadella, tanto che non ci sono occasioni degne di nota dalla rete fino al duplice fischio arbitrale che ha sancito la fine del primo tempo con un vantaggio meritato per attacco pungente ed equilibrio difensivo impeccabili per la squadra di Calori.

Nella ripresa però arriva subito la doccia fredda: il Cittadella sfrutta l’intervallo e rientra in campo determinato, trovando il pareggio al 53′ con Chiaretti. Salvi va via a Barillà e mette al centro un pallone velenoso respinto da un difensore granata, come un fulmine arriva il numero 10 che con un sinistro chirurgico stende Pigliacelli, che non ci arriva. Ed è subito 1-1 ad inizio ripresa. Due minuti più tardi poteva essere il “cappotto” per il Trapani: Bartolomei lancia in profondità Arrighini, che spacca la difesa e si trova da solo con Pigliacelli. Per fortuna dei siciliani, la palla termina clamorosamente sull’esterno della rete.

Il Trapani poi scompare per un bel po’, fino a quando al 66′ Alfonso compie un vero e proprio miracolo su Barillà, servito perfettamente da Manconi che si era involato in area. Il tiro del centrocampista è troppo debole ma essendo preciso impegna comunque il portiere del Cittadella, che si salva.

La partita è comunque viva sia da una parte che dall’altra: entrambe le squadre sanno che un pareggio non le aiuterà in classifica, specie per il Trapani che deve inseguire un sogno salvezza che ad inizio girone di ritorno sembrava improbabile. Al 73′ Pedrelli del Cittadella si libera dalle marcature ma alza troppo la sfera e non centra la porta di Pigliacelli ma è ad otto minuti dal termine che si mette malissimo per il Trapani.

Antimo Iunco infatti trova la rete del 2-1 in favore del Cittadella, che approfitta della sponda di Litteri (bravo ad anticipare di testa Legittimo) e a trovare con un sinistro dal limite il rimbalzo giusto che Pigliacelli non si aspetta.

Sembra essere la mazzata decisiva ma in realtà questo Trapani ha dimostrato di non morire mai e al 90′ trova il calcio di rigore che Citro trasforma battendo Alfonso e portando il risultato sul 2-2. Lo stesso Citro era stato ingenuamente atterrato dal difensore avversario Varnier dopo che quest’ultimo aveva perso il tempo.

Vi sembra finita? Invece no, perché nel calcio esiste il recupero ed il Cittadella lo sfrutta per trovare il rocambolesco 3-2. È Manuel Iori al 95′ a far esplodere lo stadio e a chiudere definitivamente la partita. Errore da parte della difesa trapanese che lascia Iori tutto solo sul primo palo sugli sviluppi di un corner. Per lui è facile battere Pigliacelli e chiudere sul 3-2 finale.

Un Trapani che ha lottato ma non è riuscito a piegare un Cittadella fortunato alla fine, quando il pareggio forse era il risultato più giusto. Al di là di questo, adesso la classifica non è delle migliori: granata a -5 dalla zona salvezza.

Pagelle Trapani: Pigliacelli 6,5; Fazio 6, Pagliarulo 6, Legittimo 6, Visconti 6; Maracchi 6, Colombatto 6, Barillà 6; Coronado 6,5; Manconi 6,5, Jallow 6.

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA