Calcio

Sprofonda il Catania, al Massimino fa festa il Frosinone

28 feb 2015 - 18:04

CATANIA - Sprofonda il Catania. Seconda sconfitta consecutiva e situazione che si fa sempre più allarmante in casa rossoazzurra. Il Frosinone torna alla vittoria in trasferta dopo avere preso gol a raffica nelle ultime gare esterne. Lo fa ribaltando il risultato allo stadio Massimino. Che il pomeriggio non è sereno per il Catania lo si percepisce già nei primi minuti di gioco, con il Frosinone subito pericoloso con Dionisi nell’area di rigore etnea. Il ritmo del match è poco elevato, prevalentemente le due formazioni si studiano nel primo tempo.

Il Catania, dopo un avvio in affanno, rialza la testa, seppur con molta confusione ed una manovra abbastanza macchinosa e prevedibile. La prima vera occasione da rete per i rossoazzurri si concretizza al minuto 17. Bella davvero l’incornata di Schiavi sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Rosina, ma la palla termina fuori non di molto. Al 30’ insiste il Catania. Castro trova lo spiraglio giusto per calciare in porta. Bel tiro rasoterra respinto da Zappino in corner. I padroni di casa continuano a premere sull’acceleratore. Al 37’ Sciaudone, da posizione favorevolissima, calcia debole e centrale.

Si rivede il Frosinone al 38’ e 47’, rispettivamente con Sammarco e Dionisi. Il primo approfitta di una dormita della difesa etnea ed il tiro finisce fuori di un niente. Il secondo si rende pericoloso sul filo del fuorigioco. Quando il primo tempo sembra avviarsi verso lo 0-0, ci pensa Castro a sbloccare il risultato. Conclusione di pregevole fattura su cross dalla sinistra di Mazzotta, nulla da fare per Zappino.

Nella ripresa ti aspetti un Catania determinato a ricercare la rete che chiude i giochi. In effetti gli etnei, dopo una grande respinta in corner di Gillet sulla botta di Lupoli, vanno vicini al raddoppio in un paio di circostanze con Rosina.

Il Frosinone resta in partita, aumenta il ritmo e la difesa catanese scricchiola. È il momento giusto per trovare la via del gol. Al minuto 57 Dionisi si fionda sul pallone e lo scaraventa in rete. Buco della retroguardia rossoazzurra. Lo stesso Dionisi sfiora il bis pochi istanti dopo, ma il tiro viene parato da Gillet. Il Catania tenta la reazione, lo fa protestando per un calcio di rigore netto non assegnato. Chiaro il fallo ai danni di Maniero, l’arbitro Pasqua però non concede il penalty. Il peggio deve ancora venire per la formazione dell’Elefante.

Infatti al 65’ il neo entrato Daniel Ciofani approfitta di un altro svarione difensivo e fa secco Gillet con una conclusione imparabile. Catania adesso in bambola. I ciociari potrebbero calare persino il tris nel finale. Reazione timida della squadra di Marcolin, nervosa, impacciata ed il pubblico contesta platealmente società e giocatori. Fumogeni in campo dal settore Curva Sud, protesta della tifoseria di casa che disapprova chiaramente la prestazione offerta quest’oggi. Si chiude così 1-2 Catania-Frosinone. Mentre i tifosi giunti da Frosinone festeggiano un successo molto importante in chiave playoff, a Catania aleggia lo spettro della seconda retrocessione consecutiva.

MARCATORI: 45’ Castro, 56’ Dionisi, 66’ D. Ciofani

CATANIA (4-3-1-2):  1 Gillet; 26 Belmonte, 5 Schiavi, 45 Ceccarelli, 43 Mazzotta; 44 Sciaudone (78’ Chrapek), 21 Rinaudo, 42 Coppola (14’ Martinho, 62’ Escalante); 10 Rosina; 7 Maniero, 19 Castro. A disposizione: 22 Terracciano,15 Sauro, 24 Capuano, 8 Escalante, 39 Odjer, 20 Chrapek, 6 Martinho, 14 Barisic, 9 Calaiò. Allenatore: Marcolin

FROSINONE (4-4-2): 1 Zappino; 2 Zanon, 15 Cosic, 6 Blanchard, 30 Pamic; 23 Sammarco, 7 Frara, 8 Gucher; 18 Dionisi, 19 Lupoli (63’ D. Ciofani ), 29 Carlini (73’ Paganini). A disposizione: 22 Pigliacelli, 13 M. Ciofani, 4 Russo, 16 Fraiz, 5 Gori, 24 Ranelli, 10 Soddimo, 9 D. Ciofani, 17 Paganini. Allenatore: Stellone

Arbitro: Fabrizio Pasqua di Tivoli

Ammoniti: Schiavi, Rinaudo, Maniero, Sciaudone, Escalante

Corner: 7 – 3

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento