Calcio

Siracusa, rimonta incredibile e derby vinto: 4-2 contro l’Akragas

derby
13 nov 2016 - 16:51

SIRACUSA - In appena 20 minuti l’Akragas sembrava aver messo le cose in chiaro, poi i padroni di casa si scatenano e conquistano derby e tre punti: al De Nicola infatti finisce 4-2.

Una partita pazzesca, un derby indimenticabile ma una delusione che sarà probabilmente difficile da smaltire per i tifosi agrigentini.

Dopo il minuto di silenzio per la morte di Enzo Maiorca la partita si rivela subito dinamica ma senza particolari occasioni, fino al 13′ quando inizia lo spettacolo: Cochis dalla sinistra mette in mezzo, Gomes col piattone fa 1-0.

Tutti si aspettano una reazione dei padroni di casa invece lo scatenato Cochis soffia il pallone a Pirrello, si invola verso la porta avversaria e mette a segno lo 0-2 che gela il De Nicola.

Il Siracusa inizia a carburare al 23′, Longoni prova dal limite dell’aria, ma la sua conclusione si stampa sulla traversa. Al 32′ l’Akragas ha l’occasione per chiudere il derby: Cochis ruba palla e percorre tutta la metà campo avversaria in solitaria, la stanchezza però gli appanna la vista e la sfera finisce a lato.

E come si suol dire goal fallito goal subito, al 36′ infatti Longoni dalla bandierina pesca Turati che riapre il match. Passano 4 minuti e arriva il goal del pari: Longoni calcia una punizione dal limite, Catania, piazzato in barriera, devia e spiazza Pane. Al 40′ il derby è tornato in parità: 2-2.

Il secondo tempo sembra essere più calmo del primo: man mano che passano i minuti però il Siracusa inizia a spingere sempre più. Al 70′ la remuntada è completa: Catania calcia dal limite, Pane respinge come può ma sul tap-in vincente si avventa Valente. È il terzo centro stagionale per il centrocampista siracusano ma soprattutto il terzo goal della sua squadra che si porta in vantaggio nel derby.

L’Akragas non riesce più a reagire, i padroni di casa sull’onda dell’entusiasmo continuano a spingere: siamo al 76′ minuto, ancora Longoni va al cross, ancora Catania è pronto ad avventarsi sul pallone: 4-2, doppietta dell’attaccante e derby virtualmente chiuso.

Nessuna particolare emozione fino al triplice fischio dell’arbitro; l’Akragas resta così ancorato a 13 punti mentre il Siracusa sale a quota 14, superando proprio gli agrigentini che adesso hanno assoluto bisogno di riscattarsi, sia per la classifica sia per i tifosi.

 

Omar Qasem



© RIPRODUZIONE RISERVATA