Calcio

Serie B: ripescato il Vicenza. Amarezza Pisa

Il club veneto giocherà (tra le polemiche) in serie cadetta
lega serie b logo
30 ago 2014 - 11:56

Che il calcio italiano fosse nel caos, soprattutto per motivi economici, era fuori di dubbio. Ma quello che è successo in serie B per l’avvio del nuovo campionato ha (quasi) dell’incredibile. La serie cadetta comincia oggi e solo ieri si è saputo che sarà composta da 22 squadre e non 21, come si era ipotizzato inizialmente.

L’obiettivo, certo. è garantire regolarità ed equilibrio del torneo, perché il numero dispari avrebbe costretto una squadra al riposo settimanale. Ma tifosi, cronisti ed appassionati non possono non essere rimasti, quantomeno spiazzati dalla confusione che si è creata nelle ultime settimane.

Adesso, però, la storia è finita e la B ha chiuso il suo cerchio: il Vicenza sarà la ventiduesima partecipante. Cosa facile? Non proprio. Ricorsi, contro-ricorsi e litri di inchiostro su malloppi di documenti per aggiudicarsi il ripescaggio, Erano tante le pretendenti, ma a giocarsela con il club veneto c’era soprattutto il Pisa. I neroblu sembravano favoriti, ma la mancata consegna di un documento ha favorito la società biancorossa.

Il Pisa ha provato a reclamare per ottenere un posto in campionato che sentiva già suo, ma la decisione è stata presa. Tanta delusione, come dichiarato dal direttore sportivo del club, Pino Vitale: “Abbiamo molta amarezza. E’ brutto non poter partecipare alla serie B per colpa di un documento“. A proposito di questo, ancora è da vedere come mai non sia stato consegnato, visto che chi doveva farlo ha dichiarato di non essere stato informato. Ma questa è un’altra storia.

Sì, perché adesso è la Lega Pro ad essere rimasta orfana di una partecipante, motivo per cui le iscrizioni sono state prorogate fino al prossimo 2 settembre. E tra polemiche, contestazioni e dubbi di vario genere, che lo spettacolo abbia inizio! 

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA