Calcio

Playoff Berretti, il Catania non sbaglia: 2-1 contro la Paganese. Manno decisivo

Catania-Paganese 2-1, rigore per gli ospiti (foto: calciocatania.com)
Catania-Paganese 2-1, rigore per gli ospiti (foto: calciocatania.com)
6 mag 2017 - 16:32

CATANIA - Il giorno tanto atteso dalla Berretti rossazzurra di mister Gaetano Bellia è arrivato e nemmeno oggi ha deluso le attese.

Quest’oggi infatti è partita la prima fase dei playoff del campionato nazionale “Dante Berretti”, che comprende le migliori 18 squadre giovanili della Lega Pro di quest’anno. Il Catania è l’unica siciliana presente ed è stata inserita nel Girone E insieme con Lecce e Paganese. Proprio gli azzurrostellati, quest’oggi, sono stati ospiti a Torre del Grifo dopo pochi giorni dall’ultima volta, quando all’ultima giornata a Mascalucia i rossazzurri avevano avuto la meglio per 2-1: anche stavolta, il Catania ha fatto valere la sua supremazia interna piegando i campani con lo stesso risultato e conquistando tre importantissimi punti per accedere ai Quarti di Finale.

Mister Bellia ha dovuto fare a meno di Luigi Spataro, portiere titolare, oltre che a Kalifa Manneh e Davide Di Stefano. L’asso nella manica dei rossazzurri si è rivelato un altro Luigi, anche lui a difendere i pali degli etnei: parliamo del classe 2000 Luigi Manno, protagonista del match e della vittoria finale.

È stata proprio una sua parata al 6′ a negare il vantaggio alla Paganese, che grazie ad un ottimo avvio era riuscita a conquistarsi un calcio di rigore tirato dall’attaccante avversario Conte e neutralizzato da Manno sulla sinistra. La partita procede su ritmi alti e con duri contrasti a centrocampo, puniti con qualche ammonizione dal direttore di gara. Il Catania riconosce la forte qualità dell’avversario ma se la gioca con le unghie e con i denti, respingendo i tentativi offensivi della Paganese grazie all’attento Manno e andando vicino al goal con Biondi allo scadere dei primi 45′.

Nella ripresa, poi, la caparbietà dei ragazzi di mister Bellia frutta i risultati sperati: al 57′ gli etnei passano in vantaggio grazie ad un capolavoro di Biondi liberatosi sulla sinistra, in grado di piazzare a giro il pallone alle spalle del portiere avversario Marone. Catania in vantaggio ma subito ripreso, Torre del Grifo (dove vi è una bella cornice di pubblico) dopo essere esplosa di gioia, viene gelata: Verdicchio, subentrato della Paganese, sfrutta a pieno un bell’assist ricevuto in corsa e non ha problemi a trafiggere Manno.

I rossazzurri non mollano e al 67′ sorpassano ancora gli ospiti: superlativa azione di Biondi ancora dalla sinistra. Stavolta il pallone viene piazzato al centro dell’area dove è pronto Napolitano per la rete del 2-1, che si rivelerà poi il risultato finale. Quest’ultimo aveva già segnato alla Paganese una doppietta all’ultima giornata. La Paganese si infiamma e alza il baricentro nel tentativo di acciuffare il pari, ma il Catania gioca “di rimessa” e grazie anche all’ottima fase difensiva tiene il prezioso risultato dalla propria parte. 

Primo tempo non all’altezza delle aspettative etnee, che ha visto un’agguerrita Paganese fermata da Luigi Manno ad inizio partita con il rigore neutralizzato al bomber campano Conte. Nella ripresa, poi, il Catania ha preso in mano le redini del gioco e ha trovato le due reti che gli consegnano tre punti importantissimi.

Sabato prossimo, i rossazzurri riposeranno lasciando spazio al Lecce, che andrà di scena a Pagani. Intanto mister Bellia si gode i suoi piccoli gioielli: tra i migliori ci sono stati Biondi, autore di una rete ed un assist, ed il portiere Manno che ha evitato il goal lampo degli ospiti. Tra l’altro, il giovane estremo difensore è stato protagonista con l’Under 17 subendo poche reti in tutto il campionato (19 in 22 giornate) e ha dimostrato di essere un ottimo sostituto di Spataro, magari giocandosi qualche chance in più. 

La vittoria, però, evidenzia ancora la grande coesione di gruppo, il sacrificio da parte di tutti e la forza di questo Catania che ha grandi chance di arrivare fino in fondo. 

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA