Manifestazione

A Palermo la sfilata di auto storiche da competizione

_BLG6909a_1200_logo
12 apr 2016 - 18:53

PALERMO - Sabato 23 e domenica 24 aprile il Real Parco della Favorita e Monte Pellegrino a Palermo ospiteranno la manifestazione automobilistica per auto storiche, non agonistica, denominata “GRANDI CORSE DI SICILIA – L’ULTIMA VITTORIA DI NUVOLARI (MONTE PELLEGRINO HISTORIC 2016)”, organizzata dalla Associazione Siracusana Automotoveicoli Storici, dall’A.S.D.Sc. Montepellegrino e dall’Associazione Italiana Cultura Sport regione Sicilia, con la collaborazione del Motor Village FCA Palermo. Scopo della manifestazione è di radunare a Palermo le vetture da competizione costruite fino al 1976 che si sono rese protagoniste nello sport motoristico, facendole transitare in parata lungo il percorso della Salita al Monte Pellegrino (dalle falde al Santuario) e all’interno del Parco della Favorita di Palermo.

L’evento sarà preceduto giovedì 21 dalla sessione non competitiva “PERGUSA HISTORIC” all’Autodromo di Pergusa – Enna. Gli iscritti ASI (Automotoclub Storico Italiano) con tessera in corso di validità ed auto omologata ASI o FIVA, potranno partecipare all’assegnazione dei premi relativi all’importanza storica – sportiva, al restauro e alla conservazione. La manifestazione è aperta ai soci ASI, della Associazione Siracusana Automotoveicoli Storici, della A.S.D.Sc. Montepellegrino, dell’Associazione Italiana Cultura Sport regione Sicilia e del Registro Fiat Italiano.

Per comprendere meglio come si svolgerà la manifestazione e quale è l’atmosfera che si respira in raduni motoristici di questo tipo, abbiamo intervistato un collezionista che ha partecipato alle precedenti edizioni della Monte Pellegrino Historic e che sarà presente anche quest’anno: “Uno dei piaceri più grandidice Giovanni Venezianoè incontrare gli altri piloti, amici di vecchia data e altri appena conosciuti. In queste occasioni le pause e le conversazioni sono importanti come il tempo passato al volante della propria auto. Nel caso della Monte Pellegrino Historic, trattandosi fondamentalmente di una sfilata, c’è poco spazio per l’agonismo, si sente invece molto la passione comune e il piacere di condividere aneddoti ed esperienze. Spesso sono presenti grandi campioni del passato che in quei giorni si calano del tutto nella comunità e ti fanno sentire ulteriormente parte di una grande tradizione. Non è raro che alcuni guidino l’auto di qualche collezionista, gli stessi modelli se non addirittura proprio lo stesso veicolo con cui hanno gareggiato ad alti livelli e penso che sia un grande piacere oltre che un onore per l’attuale proprietario. La solidarietà è un altro importante elemento: capita spesso che ci si aiuti a risolvere i piccoli inconvenienti inevitabili con vetture che hanno perlomeno 40 anni di vita alle spalle. Nel mio caso si aggiunge il piacere di condividere queste occasioni con la mia famiglia. Mia moglie mi ha affiancato in numerosissime gare e sfilate e da qualche tempo anche mia figlia mi fa da navigatore; è un tipo davvero preciso e se sbagliamo la colpa è mia che non l’ho ascoltata“.

A Palermo le sfilate seguiranno due percorsi che, nei giorni e negli orari della manifestazione, saranno chiusi al traffico ordinario, al fine di garantire la massima sicurezza per lo svolgimento della stessa, dei partecipanti e del pubblico. Il primo percorso (sabato e domenica) sarà la salita al Monte Pellegrino (circa 8 Km), da Palermo (circa 700 mt. dopo il bivio tra via P. Bonanno e via Cardinale M. Rampolla) alla piazza antistante il Sanuario di Monte Pellegrino; questa salita è stata sede della gara “Salita al Monte Pellegrino” dal 1908 alla fine degli anni ’80. Il secondo percorso, che interesserà la sola giornata di sabato 23, sarà all’interno del parco della Favorita: 5 Km lungo i due viali principali Ercole e Diana, dove dal 1937 al 1940 si è svolta la Targa Florio.

Per maggiori dettagli, per gli orari delle varie fasi della manifestazione e per un resoconto delle edizioni precedenti, è possibile visitare il sito www.montepellegrinorievocazionestorica.com

Davide Bologna

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA