Calcio

Palermo, retrocessione matematica: a Verona è solo pari

WhatsApp Image 2017-05-07 at 08.04.10
7 mag 2017 - 17:22

VERONA - Allo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona, contro un Chievo che non ha più nulla da chiedere a questo campionato, arriva il Palermo di mister Bortoluzzi alla disperata ricerca dei tre punti, per mantenere viva la speranza di una salvezza ai limiti dell’impossibile.

Con Nestorowski infortunato, mister Bortoluzzi opta per Diamanti falso nueveaffiancandogli Sallai. In difesa torna Gonzalez dal primo minuto, dopo la panchina contro la Fiorentina, a formare la linea a tre con Goldaniga e Andelkovic. Il Chievo, che non perde in casa contro il Palermo dall’1 ottobre 2006, si affida al suo bomber Pellissier, affiancato dall’ex Milan Birsa.

Prima azione pericolosa per la squadra di casa all’8: Birsa lancia in profondità Pellissier, il quale calcia di prima intenzione impegnando Fulignati, costretto a mettere in angolo. 

Palermo che risponde al 15′: Sallai prova il tiro dalla distanza e impegna Sorrentino costretto a metterci i pugni per respingere il pallone. Al 32′ i rosanero trovano il goal, annullato però dal direttore di gara: Diamanti imbecca benissimo in area di rigore Sallai, che si libera con forza di Cesar e calcia in rete. Goal annullato per fallo sul difensore sloveno.

Si chiude con la squadra di casa maggiormente pericolosa degli ospiti il primo tempo del Bentegodi: Palermo che cerca di affidarsi alle giocate di Diamanti e alla corsa di Sallai, ma si rende pericoloso in pochissime occasioni.

Secondo tempo che parte male per gli uomini di Bortoluzzi: Gazzi cade a terra e si fa male alla spalla sinistra, costringendo il tecnico rosanero a un cambio forzato. Al posto del centrocampista, in campo Bruno Henrique. Palermo che fatica a costruire occasioni pericolose, concedendo anche campo alle avanzate del Chievo che si rende pericoloso con Pellissier. 

È il preludio al goal che arriva al minuto numero 66: Inglese viene atterrato in area di rigore da Bruno Henrique; per l’arbitro Serra nessun dubbio e calcio di rigore per il Chievo. Sul dischetto si presenta il bomber Sergio Pellissier che con un destro potente batte Fulignati che aveva intuito. Vantaggio Chievo!

Palermo che non demorde e comincia a prendere campo, anche grazie alle occasioni di Diamanti e Bruno Henrique. I rosanero insistono e sul finire del match, all’88′, trovano il pareggio: sulla punizione di Diamanti, Pellissier provando il rinvio serve involontariamente Goldaniga, che da dentro l’area piccola batte Sorrentino. Al 95′, quasi a tempo scaduto, goal annullato a Goldaniga per fuorigioco.

Finisce così al Bentegodi: il Palermo saluta la Serie A. La matematica condanna i rosanero, autori di una stagione non all’altezza. Il cambio di proprietà non è bastato per dare la scossa a una squadra che ha risentito anche dei numerosi cambi di allenatori. L’ultima buona prestazione contro la Fiorentina non è bastata per rimandare la retrocessione e continuare a sperare.

IL TABELLINO

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Frey; Castro, Radovanvic, Izco, Bastien; Pellissier, Birsa. All. Maran

PALERMO (3-5-2): Fulignati; Andjelkovic, Gonzalez, Goldaniga; Cionek, Jajalo, Gazzi, Chochev, Aleesami; Sallai, Diamanti. All. Bortoluzzi

Marcatori: 66′ Pellissier (C), 88′ Goldaniga (P)

Ammoniti: 21′ Jajalo (P), 41′ Gonzalez (P), 47′ Cesar (C), 77′ Sallai (P), 82′ Gamberini (C), 87′ Birsa (P)

Sostituzioni Chievo: 46′ Izco / Inglese, 79′ Bastien / de Guzman, 84′ Cesar / Sardo

Sostituzioni Palermo: 52′ Gazzi / Henrique, 77′ Sallai / Trajkovski, 88′ Gonzalez / Lo Faso

Recupero: 1′ 1T, 7′ 2T

Arbitro: Marco Serra

Commenti

commenti

Mauro Di Stefano



© RIPRODUZIONE RISERVATA