Calcio

Palermo, fallisce l’impresa. Morata fa volare la Juve

20150314_195536
14 mar 2015 - 20:59

PALERMO - Grandissima attesa a Palermo per l’arrivo della Juventus. I tifosi rosanero sognavano una vittoria dal sapore d’impresa, invece la Vecchia Signora si conferma implacabile incrementando il bottino di punti con un successo che l’avvicina sempre di più alla conquista dell’ennesimo scudetto. Prova volitiva e generosa della formazione guidata da Giuseppe Iachini, praticamente indemoniato sulla panchina palermitana. L’ex allenatore del Siena ha trasmesso grinta a volontà ai suoi ragazzi, che hanno risposto concedendo meno possibile al più quotato avversario creando anche presupposti di pericolo soprattutto nel secondo tempo.

Nell’arco dei primi 45 minuti di gioco, partita sostanzialmente equilibrata con il Palermo che presta particolare attenzione alla fase difensiva ma fatica a mettere la coppia Dybala-Vazquez nelle condizioni di far male alla retroguardia torinese. Juventus più manovriera del Palermo ma che non riesce a sfondare, non trovando la giocata giusta. Bisogna attendere la ripresa delle ostilità per accendere il match. Juventus maggiormente incisiva adesso, ma anche i padroni di casa non stanno a guardare. Al 51’ è bravo Sorrentino a neutralizzare la conclusione di Tevez su punizione.

Alzando il baricentro e trascinato dal calore del Barbera, il Palermo spinge con più convinzione e coraggio avvicinandosi nei pressi dell’area juventina. Non si registrano, però, tiri nello specchio della porta ad opera dei siciliani. Proprio nel momento in cui il Palermo aumenta l’aggressività ed il ritmo nella speranza di piazzare la zampata vincente, ci pensa invece la Juventus a sbloccare il risultato. Il neo entrato Morata, subentrato ad un impalpabile Llorente, al minuto 70 stoppa la palla sul lancio di Marchisio, punta l’uomo, rientra, Andelkovic non chiude e da fuori con un sinistro a giro terrificante “fredda” Sorrentino.

Il Palermo accusa inizialmente il colpo ma, nei minuti finali, ci mette il cuore, speranzoso di riequilibrare il risultato. Dal canto suo la Juventus mantiene elevata la concentrazione trascinata da un generosissimo Morata, migliore in campo al Barbera. L’arbitro concede quattro minuti di recupero, ma non bastano al Palermo per cambiare le sorti dell’incontro. Festeggiano i tanti tifosi juventini presenti nell’impianto sportivo palermitano per una vittoria che rappresenta un viatico importante in ottica Dortmund. Palermo che non esce ridimensionato da questa sconfitta e vede l’obiettivo della matematica salvezza distante una manciata di punti.

PALERMO-JUVENTUS, TABELLINO PARTITA E PAGELLE:

MARCATORE: Morata al 25′ s.t.

PALERMO (3-5-2): Sorrentino 6; Vitiello 6, Terzi 6, Andelkovic 5; Rispoli 6, Rigoni 6, Maresca 5.5 (18′ s.t. Jajalo 6), Barreto 6 (30′ s.t. Belotti s.v.), Daprelà 6 (37′ s.t. Emerson s.v.); Vazquez 5.5, Dybala 5.5. (Ujkani, Milanovic, Joao Silva, Emerson, Della Rocca, Bolzoni, Chochev, Quaison, Ortiz, Bentivegna, Belotti). All. Iachini.

JUVENTUS (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6, Bonucci 6, Chiellini 6.5; Lichtsteiner 6, Sturaro 6 (1′ s.t. Vidal 6), Marchisio 6, Pereyra 6.5, De Ceglie 6 (30′ s.t. Padoin s.v.); Tevez 6, Llorente 5 (14′ s.t. Morata 7). (Storari, Rubinho, Ogbonna, Pepe, Padoin, Matri, Evra). All. Allegri.

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.

NOTE: spettatori 29.832. Ammoniti Vazquez (P), Andelkovic (P), Barzagli (J), Morata (J), Lichtsteiner (J), Pereyra (J). Recuperi: 1′ p.t.; 4′ s.t.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento