Calcio

Palermo, Iachini: “Voglio la perfezione allo Juventus Stadium, altrimenti…”

© foto Newsicilia.it - L'allenatore del Palermo Giuseppe Iachini in sala stampa,
© foto Newsicilia.it - L'allenatore del Palermo Giuseppe Iachini in sala stampa,
26 ott 2014 - 10:08

Partita durissima per il Palermo allo Juventus Stadium contro i Campioni d’Italia. Mister Giuseppe Iachini, al di là dei recenti risultati negativi della Juve, è convinto che a Torino troverà un avversario difficilissimo da affrontare e per nulla in crisi.

“La Juve nelle ultime partite ha giocato molto bene, creando tante occasioni. Meritava di vincere. Da tre anni e mezzo la squadra bianconera porta avanti un progetto importante, Allegri garantisce conoscenze di rilievo. Giocare allo Juventus Stadium, poi, fa un effetto particolare. Quello stadio dà un impatto notevole. I bianconeri hanno qualità, conoscenza di gioco, tattica individuale, uno contro uno dallo spessore elevato. Sono anche molto aggressivi e dotati di grande fisicità e tecnica, possiedono ogni mezzo per farti male. Sanno essere devastanti negli inserimenti centrali giocatori come Vidal, Pogba, Marchisio. Anche gli esterni si buttano dentro con spiccata personalità e forza, vedi Lichtsteiner. Tevez è una macchina da gol, ha un’abilità, una tecnica ed un carisma incredibili. E’ un giocatore di livello straordinario. Come lui la Juve ne ha molti altri”.

Servirà la classica partita perfetta per sperare di portare a casa un risultato positivo questo pomeriggio. Lo sa bene il tecnico del Palermo, che sottolinea come i rosanero dovranno impostare la partita. “Abbiamo preparato la gara curando ogni aspetto. Ho raccomandato alla squadra di non fare una partita passiva, giocando con personalità. Dovremo saperci contrapporre agli avversari con proprietà di palleggio, qualità, attaccando gli spazi con i tempi giusti. Al di là dei moduli dovremo essere in grado di fare la nostra gara. La linea difensiva sarà chiamata a lavorare particolarmente bene, soprattutto prestando attenzione agli inserimenti da dietro. Se non teniamo ritmi alti, tempi di gioco elevati, non diamo imprevedibilità alla manovra e non effettuiamo passaggi con i tempi di smarcamento giusti, faremo fatica a Torino. Inoltre ci torneranno utili le soluzioni da palla inattiva, proveremo a sfruttarle”.

Intanto prosegue favorevolmente il processo di crescita del Palermo, aspetto che Iachini sottolinea frequentemente. “Col tempo ci sarà una crescita ulteriormente progressiva della squadra e dei singoli all’interno della rosa. Il Palermo ha già dimostrato di sapere interpretare i moduli, acquisendo nuove conoscenze che portano anche ad una crescita dell’intesa tra i giocatori. La squadra ha una sua identità, in questa il Palermo si è sempre riconosciuto”.

I rosanero hanno vinto la prima partita in campionato contro il Cesena ma non mancano gli aspetti da migliorare. “Battere i romagnoli ha fortificato il morale dei ragazzi ma sappiamo anche di doverci migliorare perché qualche errore lo abbiamo commesso. In Serie A il minimo errore lo paghi al cospetto di certi giocatori, la cura del particolare si rivela fondamentale in questa categoria. Basta un niente per macchiare una prestazione di rilievo, serve maggiore attenzione”.

Pian pianino l’infermeria si sta svuotando, ma i rientri dai rispettivi infortuni vanno gestiti nella giusta maniera dallo staff tecnico. Iachini ci tiene a sottolinearlo. “Lo staff tecnico deve impegnarsi a fare arrivare la squadra ad un livello di condizione fisica globalmente ottimale. Ora dobbiamo far crescere fisicamente i ragazzi reduci da infortuni. Ci sono dei tempi di recupero da rispettare. E’ importante riportare tutti ad un livello ottimale”.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento