Calcio

Palermo: a Foggia Gnahorè titolare e ballottaggio tra Jajalo e Chochev

Gnahorè
15 set 2017 - 09:32

PALERMO - Pochi dubbi per Tedino alla vigilia di Foggia-Palermo. Domani alle 15 allo “Zaccaria” i rosanero si presenteranno con l’obiettivo di vincere e dimostrare principalmente a se stessi di essere una squadra in grado di lottare per la promozione.

Con il Carpi in fuga, non sono ammessi più passi falsi. L’esempio da seguire è quello dei primi venti minuti di Palermo-Empoli di sabato scorso, che hanno messo in mostra una compagine con forte personalità, determinata, dotata di buona tecnica e fantasia, capace di colpire gli avversari con azioni ficcanti e veloci. Da evitare il buio piombato nella seconda parte del primo tempo e all’inizio della ripresa sempre sabato scorso: buio nel gioco e crollo fisico.

Perché non succedano più queste situazioni, Tedino dovrà lavorare molto sull’attenzione e sull’autostima dei suoi giocatori, dovrà scongiurare il verificarsi di cali di tensione che mettano a rischio e vanifichino prestazioni altrimenti di buon livello.

Questo lavoro non sarà facile con Posavec, apparso fin qui incerto e incapace di governare con personalità la difesa. Il giovane portiere ha sicuramente delle qualità, ma ha ancora bisogno di forgiarsi e maturare. Potrà diventare un buon portiere, ma oggi, purtroppo per il Palermo, non lo è.

Ma i dubbi di Tedino non riguardano il portiere: Posavec è sempre titolare e Pomini sarà ancora costretto ad accomodarsi in panchina. L’unico dubbio del mister rosanero è relativo a chi utilizzare tra Jajalo e Chochev.

Sembra infatti che Gnahorè, con le sue prestazioni, abbia convinto il tecnico ex Pordenone a inserirlo nell’undici titolare. Il franco-ivoriano, al di là della ingenuità che ha causato il rigore dell’Empoli sabato pomeriggio, non solo ha dato brio alla manovra, ma si è anche sacrificato nella fase di interdizione correndo con costrutto appresso agli avversari in possesso di palla.

Per far posto a Gnahorè a centrocampo, dovrà perciò essere sacrificato uno tra Jajalo e Chochev. Considerato che Jajalo offre maggiori garanzie nella fase di contenimento, dovrebbe essere il bulgaro a partire dalla panchina.

Con il modulo 3-4-2-1, con Trajkovski più trequartista che seconda punta, il Palermo dovrebbe schierarsi con Posavec; Cionek, Struna, Bellusci; Rispoli, Jajalo, Gnahorè, Aleesami; Coronado, Trajkovski; Nestorovski.

Il Foggia di Giovanni Stroppa dovrebbe rispondere con il modulo 4-3-3 con Guarna; Gerbo, Coletti, Martinelli, Rubin; Vacca, Deli, Fedele; Nicastro, Mazzeo, Fedato.

Pietro D’Alessandro

 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA