Calcio

Messina, ecco l’anima che voleva Lucarelli: piegata la Casertana

messina
23 ott 2016 - 18:56

MESSINA – Si riprende il Messina: al San Filippo Lucarelli fa l’an-plein.

Una vittoria che serviva obbligatoriamente ai peloritani, che riescono ad imporsi per 2-1 contro una buona Casertana: servono i gol di Madonia e Rea nel primo tempo per chiudere già il discorso.

Cristiano Lucarelli e il suo Messina scendono in campo con una formazione equilibrata, capitanata dall’ex Catania Musacci. Il nuovo acquisto Grifoni è già titolare sulla fascia destra, Madonia è al centro dell’attacco. La Casertana, invece, cambia alcuni giocatori rispetto al match contro la Reggina: difesa a 5 con Lorenzini, Potenza e D’Alterio centrali. Centrocampo a 3 con Matute, Carlini e Carriero. Coppia d’attacco formata da Orlando e Corrado.

La Casertana parte subito forte con Corrado e Orlando nel primo quarto d’ora ma è il Messina a passare in vantaggio con un contropiede micidiale che viene finalizzato da Madonia al 16′ che fa esultare il San Filippo. Da quel momento in poi i peloritani prendono coraggio e premono di più, trovando anche la rete del raddoppio 4 minuti più tardi: corner battuto da Milinkovic e colpo di testa decisivo di Rea, che stacca in maniera impetuosa e trafigge Ginestra. Uno-due micidiale dei padroni di casa che, con il doppio vantaggio, cercano subito di gestire la partita abbinata a diverse palle gol, sempre con Milinkovic. Arriva però il gol dei campani che accorciano le distanze: azione corale che si sviluppa sulla parte sinistra del campo, Carlini crossa e a metterci il piede è il numero 9 Corrado. Un primo tempo certamente parecchio divertente. 

Il secondo tempo si apre con delle azioni pericolose per la Casertana: prima Matute al volo, poi Orlando e Corrado. Tutti e tre i tiri, però, si sono persi sul fondo. Passano i minuti ed il Messina cresce, sempre in contropiede, e cerca anche in questa frazione di trovare il modo di gestire la partita. La squadra di Lucarelli gioca un buon calcio, non si disunisce e viene apprezzata dal pubblico: i rossoblu però continuano ad attaccare soprattutto con Matute e i due attaccanti, ma la sofferenza è sopportabile. Un’anima il Messina l’ha trovata e sfrutta il momento positivo dopo la vittoria in Coppa Italia di Lega Pro contro la Vibonese: Lucarelli è riuscito nel suo compito, almeno per questa partita. Nel finale, espulso il tecnico della Casertana Tedesco e un altro brivido per gli ospiti: palo di Milinkovic al 93′.

Con questa vittoria, i peloritani risalgono in classifica con 10 punti, piazzandosi al quattordicesimo posto. Dall’altra parte, invece, la Casertana scivola al nono posto in compagnia dell’Akragas con 12 punti.

IL TABELLINO:

MESSINA (4-3-3): Berardi, Grifoni (dal 64′Capua), Rea, Maccarone, De Vito, Foresta, Musacci, Mancini, Ferri (dal 57′Palumbo), Madonia (dal 77′Akrapovic), Milinkovic. All. Lucarelli

CASERTANA (5-3-2): Ginestra, Finzio, D’Alterio, Potenza (dal 72′Giorno), Lorenzini, Ramos, Carlini, Matute, Carriero, Orlando (dal 62′Ciotola), Corrado. All. Tedesco

ARBITRO: Fabio Schirru di Nichelino

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA