Lega Pro

Messina imbattibile in casa: al Franco Scoglio sconfitto il Catanzaro

Messina-Catanzaro
11 feb 2017 - 16:55

MESSINA - Al Franco Scoglio, dopo un primo tempo bruttissimo, parecchio noioso, un eurogol di Carcione ha dato qualche paura ai tifosi peloritani, ma i nuovi arrivati Anastasi e Da Silva hanno impiegato sei minuti per ribaltare il risultato e far continuare la corsa del Messina verso la salvezza.

Mister Lucarelli conferma il 4-3-1-2 visto a Foggia con Berardi in porta, Palumbo, Bruno, Rea e De Vito in difesa, Da Silva, Musacci e Sanseverino a centrocampo, Mancini trequartista e in avanti la coppia Milinkovic-Anastasi. Zavettieri schiera un classico 4-4-2 con De Lucia in porta, Esposito, Patti, Prestia e Sirri in difesa, Zanini, Icardi, Maita e Mancosu a centrocampo, Gomez e Cunzi in attacco. Arbitra il signor Alessandro Pietropaolo.

Il match si apre con un arrembaggio dei padroni di casa che già al 3′ ci provano con un tiro da fuori area di Mancini.  La risposta delle aquile calabresi arriva sei minuti dopo con un tiro di Icardi a tu per tu con Berardi che respinge coi pugni. All’11′ Anastasi, servito da Milinkovic, viene anticipato dalla retroguardia catanzarese. Al 20′ primo ammonito del match, Icardi per fallo su Da Silva. Da qui si sviluppa un sostanziale equilibrio tra le due squadre che si annullano a vicenda, malgrado il Messina tenga più alto il baricentro e il Catanzaro si limiti a un occasionale contropiede. Un sussulto arriva solo al 42′ quando Mancosu crossa a centro area una punizione, ma la difesa peloritana libera. Durante l’unico minuto di recupero viene ammonito Bruno per fallo su Zanini. Un primo tempo avaro di emozioni termina sul punteggio di 0-0.

Nessun cambio alla ripresa del gioco per il secondo tempo che inizia con lo stesso canovaccio e sulla falsa riga del primo. Al 49′ ottimo scatto di Milinkovic che però viene prontamente fermato dalla retroguardia ospite. Tre minuti dopo replica Cunzi che si invola lungo la fascia, ma viene fermato in anticipo dai difensori peloritani. Al 57′ un colpo di testa di Rea viene respinto sulla linea dalla difesa calabrese. Subito dopo viene ammonito Milinkovic per una simulazione. Al 58′ primo cambio nel Catanzaro: Carcione prende il posto di Icardi. Due minuti più tardi Musacci tira da fuori area, ma la palla termina ampiamente fuori. Al 62′ viene ammonito Patti per una trattenuta su Da Silva.  Al 66′ primo cambio per il Messina: Rea, dolorante e zoppicante, lascia il posto a Maccarrone. Al 69′ il Catanzaro passa in vantaggio: un eurogol di Carcione con un gran tiro da centrocampo che non lascia scampo a Berardi. 0-1. Ma il gol subito non scoraggia affatto i padroni di casa che, nemmeno il tempo di avvertire il colpo, due minuti dopo pervengono al pareggio: svarione difensivo della difesa ospite e il nuovo arrivato Anastasi come una volpe in area di rigore sferra un gran tiro alla spalle di De Lucia. 1-1 e partita ravvivata. Una volta pervenuto al pari Lucarelli effettua il secondo cambio: Ciccone prende il posto di Mancini. Al 74′ Mancosu prova il tiro dal limite dell’area, ma la difesa peloritana respinge.  Due minuti dopo botta e risposta anche nei cambi: nel Catanzaro Giovinco prende il posto di Zanini. Al 77′ il Messina ribalta il risultato: l’altro nuovo arrivato Da Silva con un gran tiro mette la palla alle spalle di De Lucia. 2-1 e lo stadio Franco Scoglio di Messina, gelato in un primo momento dal gol di Carcione, adesso è in delirio. Il vantaggio dà energie ai padroni di casa con Milinkovic che all’82′ crossa in mezzo all’area. La difesa calabrese però fa buona guardia. All’85′ viene ammonito Palumbo per il Messina. Due minuti più tardi ultimo cambio per il Catanzaro: fuori Maita, dentro Nijiki. All’89′ Messina vicinissimo al tris: pallonetto di Anastasi respinto sulla linea di porta dai difensori calabresi, mentre Milinkovic era pronto a ribadire in rete. Nei quattro minuti di recupero gli ospiti tentano il tutto e per tutto per pareggiare, ma la retroguardia peloritana stringe e manda in porto questo preziosissimo successo. Messina batte Catanzaro 2-1.

Continua così la striscia positiva del Messina tra le mura amiche con tre punti pesantissimi in chiave salvezza. Capitola invece il Catanzaro, illuso dopo lo straordinario gol di Carcione. Ma gli uomini di Zavettieri possono anch’essi avere fiducia nel traguardo salvezza.          

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA