Focus

Il mercato di Lo Monaco: Scoppa e Bucolo in, Castiglia out. E in attacco son troppi…

Collage Catania
27 lug 2016 - 13:00

CATANIA - Per un Federico Scoppa che viene, un Ivan Castiglia va via.

Dopo la rescissione con Juan Ramos, il Catania ha concretizzato anche quella con il centrocampista nato a Cosenza, ufficializzando l’acquisto a titolo definitivo dell’argentino Scoppa dall’Atletico de Rafaela, club di Primera Division argentina. 

Per il calciatore argentino si tratta della prima esperienza in assoluto in Italia: Lo Monaco è stato stregato dalla sua duttilità e qualità in mezzo al campo. Infatti, Scoppa è un centrocampista dinamico, sempre presente ed è possibile piazzarlo come mezz’ala, anche se le idee di mister Rigoli in quel ruolo pare siano altre.

L’argentino classe ’87 ha girato per il Sud America giocando, oltre che in patria, in Cile, Brasile ed Ecuador. Non solo: parliamo della sua terza esperienza in Europa dopo quelle in Portogallo ed in Finlandia, dove non ha sfigurato.

Oggi alle 17 il Catania sfiderà il Troina nella sua terza amichevole pre-campionato dopo quelle vinte contro l’Equipe Sicilia (5-0) e Biancavilla (2-1), e il calciatore potrebbe scendere in campo per mettere minuti nelle gambe e verificarne resistenza e condizione fisica.

Dall’altra faccia della medaglia però, il Catania ha annunciato tramite comunicato l’addio di Ivan Castiglia: arrivato alle pendici dell’Etna la scorsa stagione, l’avvio fu uno dei migliori della sua carriera. Il centrale poteva essere davvero utile, ma gli infortuni lo hanno fermato rendendo la sua stagione insufficiente oltre che altalenante. Diversi i punti di vista: i tifosi sulla sua profilo Facebook lo stimano come calciatore e come persona, sperando in un ritorno da parte sua. Tanti gli auguri e gli in bocca al lupo, in primis fra tutti quelli di Andrea Russotto:

Il post di Andrea Russotto, che saluta l'amico ed ex compagno di squadra Castiglia

Il post di Andrea Russotto, che saluta l’amico ed ex compagno di squadra Castiglia

Non è tardata ad arrivare la risposta dell’ex Catania: “Grazie mille amico mio crepi il lupo mi mancherai tantissimo anche tu. Ti seguo anch’io sempre fai quello che sai fare perché sei troppo forte. Ti voglio bene, Sardegna già prenotata per il prossimo anno #ciaograndeunbacioeinboccaallupo”.

Con questo cambio a centrocampo, bisognerà prestare attenzione al ruolo di Scoppa che potrebbe prendere il posto di Biagianti come playmaker e quest’ultimo spostarsi a destra o a sinistra nel 4-3-3 di Rigoli.

Ecco però che è imminente un altro arrivo in mezzo al campo: si tratta del classe ’88 Rosario Bucolo: il centrocampista catanese si ridurrebbe l’ingaggio pur di tornare nella sua città natale. Il calciatore è cresciuto nel settore giovanile rossazzurro e dopo l’esperienza al Messina e la brevissima parentesi al Catanzaro, ha rescisso il contratto per mettersi a disposizione del Catania e giocare al Massimino.

Altre trattative calde: Rosina è molto vicino alla Salernitana, società che sta fortemente insistendo sul calciatore. Da vericare se l’affare comprenderà anche il cartellino del centravanti Caccavallo o meno.

Con l’ipotetico arrivo dell’attaccante napoletano, ecco quale sarebbe il parco attaccanti del Catania: Calil, Russotto, Di Grazia, Rossetti, Barisic, Anastasi, Paolucci, Piscitella e, appunto, l’ipotesi Caccavallo che però non sembra convinto della destinazione poiché intende giocarsi una chance in B con il club di mister Sannino.

Troppa bagarre in attacco: con o senza di lui, forse qualcuno andrà via e i più quotati sembrano essere Barisic e Rossetti, mentre Di Grazia avrebbe convinto Rigoli e la società rossazzurra, soprattutto per l’ottimo feeling con Russotto. 

Il calciomercato è ancora lungo, Lo Monaco continua a lavorare sotto traccia a centrocampo e in attacco, portando nuovamente un argentino in casa Catania e alleggerendo il monte ingaggi della società chiudendo la trattativa Rosina.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA