Atletica

Master di Enna, in prima linea Puntese e Sal Catania

scordino
27 giu 2015 - 16:30

ENNA - A ruota libera Juniores, Promesse, Allievi, Cadetti, Ragazzi, giorno dopo giorno, ma questo non vuol dire che ci siamo dimenticati dei nostri amati veterani. La 26a edizione della fase regionale dei C.d.S. Master – nati al Campo Scuola di Catania il 23 e 24 giugno 1990 – si è disputata per il terzo anno consecutivo ad Enna e sempre sotto l’egida della Scuola di Atletica Leggera Catania di Giuseppe Sciuto. In precedenza undici edizioni si erano svolte a Catania, otto a Palermo, due a Caltanissetta, una a Messina e Siracusa, con l’aggiunta ancora di Enna nel 2011, allora erano previste due fasi.

Storicamente il C.d.S. Master della Fidal è stato ereditato dall’analogo Campionato che negli anni Ottanta era organizzato dall’I.M.I.T.T. per iniziativa di Cesare Beccalli e Sergio Cattoni e che ebbe la sua ultima edizione nel 1989 a Cagliari. Il primo C.d.S. – allora Amatori/Veterani – si disputò a Cagliari nel 1990 e il Masters Club Catania rimase a casa per i costi elevati della trasferta. La squadra del notaio Costantino Scarvaglieri e di Ugo Politti si rifece a Foligno nel 1991 e conquistò un brillante secondo posto, che rimane il top dei siciliani in questa rassegna nazionale. Fuori gioco il Cus Palermo, che non ha presentato una squadra completa, a differenza delle buone partecipazioni nelle precedenti finali nazionali, nono posto a Ostia 2006, sesto a Macerata 2007, decimo a Formia 2008, dodicesimo a Firenze 2009 e Novara 2012, ventiduesimo a Montecassiano 2013, quindicesimo a Jesolo.

Le protagoniste di questi C.d.S. sono state la Puntese San Giovanni la Punta di Giacinto Bitetti e la Scuola di Atletica Leggera di Giuseppe Sciuto, che hanno vinto sia la classifica maschile, davanti al Track Club Master Caltanissetta di Alessandro Giambra e alla neofita Atl. Fortitudo Catania, che quella femminile sempre a precedere la squadra etnea di Salvatore Milotta, riuscita a completare le tredici gare previste in entrambi i versanti. La graduatoria delle prime 24 Società M/F che accederanno alla finale nazionale, in programma il 20 e 21 settembre a Bastia Umbra, è quasi definitiva, anche se non ancora emanata dalla Fidal. Al vertice tra i maschi è l’Olimpia Amatori Rimini (campione uscente) con 11.134 punti, seguono l’Atl. Virtus Castenedolo (11.005 p.) e La Fratellanza 1874 Modena (10.877 p.), con la prospettiva che si ripeta lo stesso scenario del 2014 a Jesolo. La Puntese, alla sua quinta partecipazione, si trova al dodicesimo posto con lo score più alto mai raggiunto (10.196). La Sal con le donne naviga in 26a posizione con 8071 punti e per il momento è tagliata fuori dalla finale. Ricordiamo che la Puntese al suo debutto si classificò sedicesima a Cagliari il 2 e 3 ottobre 2010, unica società siciliana presente in terra sarda, quindicesima a Novara il 29 e 30 settembre 2012, di nuovo sedicesima sia a Montecassiano (2013) che a Jesolo (2014). Senza parlare del contrastato C.d.S. Master 2011, tanto inviso alle Società, quanto imposto dalla Fidal con sorda determinazione. Adesso la formazione etnea nella Valle Umbra può puntare a classificarsi tra le prime dieci Società in Italia.

Il punteggio più alto dell’intera manifestazione è stato conseguito dal piazzese Ettore Rivoli, (Lib. Atl. Bellia Piazza Armerina) 4’38”28” nei 1500, nuovo primato regionale SM55 e 941 punti, capace anche di segnare 2’17”87 negli 800 (799 p.). Seguono a ruota l’agrigentino Calogero Scordino (SM65), in forza alla Puntese, 11,04 nel peso (924), a lambire il suo stesso primato (11,21) e Bruno Nicolosi (Cus Palermo), 27”59 nei 200 (922 p.), in più per il palermitano 13”76, pure primo nei 100 (779). Scordino (nella foto grande in alto), in forma smagliante, si afferma anche nel disco con 41,96 (918). Sempre per la Puntese, il lanciatore multiplo, Giuseppe Distefano (SM70), sfiora i 900 punti nel martello (893) con una gittata di 40,53 e secondo nel disco, 34,69 (865). L’intramontabile Angelo Vecchio (SM65) salta a 1,39 nell’alto (867), naturalmente primo. Gianfranco Belluomo (SM55), eterno mezzofondista, si esprime in 4’48”19 nei 1500 (847), secondo. Gianfranco Patanella (SM60), sempre presente in questi campionati, corre i 200 in 27”93 (795), secondo e i 400 in 1’02”83 (734), primo.

Questi gli altri punteggi oltre i 700, tutti della Puntese: Mauro Cavallaro (SM55), una doppietta nel lungo e triplo per il canguro di Zafferana Etnea, sabato il triplo con un atterraggio a 10,62 e domenica il lungo con un balzo a 4,75, salti quasi identici per la tabella (756 e 753 punti); Carlo Bramanti (SM55), 27”40 nei 200 (755), terzo; Roberto De Leo (SM60), 10,11 nel peso (732), secondo; Domenico Lo Faro (SM45), 16’57”98 nei 5000 (723), primo; Salvatore Stuppia (SM50), 11,04 nel peso (720), terzo; Gaetano Marchese (SM45), 37,69 nel martello (707), secondo.

enna

 

Le donne della Sal si sono difese bene: Santa Sapienza (SF45), prima nel martello con 33,98 (879) e nel disco con 29,66 (680); Irene Messina (SF35), seconda nel martello con 41,87 (820) e seconda nel peso, 9,04 (592); la libellula di Lappeenranta, Antonella Esposito (SF45), prima nel lungo con 4,25 (661) e seconda nell’alto, 1,39 (780); Giuliana Lo Giudice (SF35), prima nel lungo con 4,80 (658); Lucia Galatioto (SF45), prima nel peso con 6,72 (641); la velocista Lorena Marano (SF45), accoppiata nei 100 e 200, rispettivamente 15”14 (609) e 31”21 (658); la ritrovata Laura Torre (SF40), prima negli 800 in 2’39”79 (597) e seconda nei 1500 in 5’33”61 (615); la staffetta 4×100 (SF40) con Marano, Torre, Esposito, Lo Giudice, prima in 57”45 (639). Da registrare, oltre a quello di Rivoli, i primati regionali di Carmela Micieli (SF55) della Femminile Diana Siracusa, 1,33 nell’alto (923), un cm in più del suo stesso limite (Enna, 14 luglio 2013), il più elevato punteggio femminile; Michele Palermo (SM45) del Track Club Master Caltanissetta, 29”34 nei 200 m ostacoli, 30”40 il precedente di Claudio Lucchesi (Palermo, 10 giugno 2012); Carmelo Testa (SM80) della Puntese, 14,75 nel giavellotto, sempre a Enna l’aveva fissato a 14,46 il 13 luglio 2013. Ammirevole l’ostacolista catanese Vincenzo Valvo (SM50), che dopo 36 anni ritorna al suo vecchio amore, lasciato nel 1979 e corre in 37”51 nei 200 m ostacoli.

Michelangelo Granata

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento