Calcio

Inter e Palermo al Meazza alla ricerca di un futuro

pa
27 ago 2016 - 16:26

PALERMO - La partita, che domani alle 18.00 vedrà di fronte al Meazza Inter e Palermo, è una partita che entrambe le squadre affronteranno con un occhio al futuro. Reduci tutte e due da una sconfitta alla prima di campionato, l’Inter a Verona contro il Chievo, il Palermo in casa contro il Sassuolo, stanno vivendo questi ultimi giorni di calciomercato con una attività intensa alla ricerca delle pedine necessarie per facilitare il cammino in campionato, altrimenti ricco di asperità. Parodossalmente l’Inter si trova in una situazione più delicata rispetto al Palermo. Dopo un’estate piena di colpi di scena, i nerazzurri sembravano aver trovato con Frank De Boer la guida adatta per un campionato di qualità. L’arrivo di Candreva aveva, altresì, illuso sulla possibilità di essere immediatamente protagonisti. La partita di Verona, invece, ha messo in evidenza una squadra disattenta in difesa, svogliata e priva di idee a centrocampo e inconcludente in attacco: difficile pensare ad un esordio peggiore.

Anche il Palermo ha vissuto un inizio di torneo amaro, ma che la compagine rosanero fosse ancora incompleta era risaputo. La sconfitta contro il Sassuolo ha messo in evidenza le lacune della squadra di Ballardini. Preoccupante l’assenza di un uomo a centrocampo che riesca ad impostare il gioco e l’evanescenza del fronte offensivo incapace di portare seri pericoli alla porta avversaria. Ecco quindi il perché dell’intensa attività di entrambe le squadre in questa fase finale del calciomercato estivo. A Milano sono già arrivati l’attaccante brasiliano Gabigol ed il centrocampista portoghese Joao Mario.

Il Palermo ha ufficializzato il prestito dalla Juventus del centrocampista olandese 23enne Ouasim Bouy e attende la definizione degli acquisti dati per certi di Bruno Henrique e di Alessandro Diamanti. Ma la trattativa che più sta coinvolgendo l’interesse dei tifosi rosanero è quella per ha per obiettivo SuperMario Balotelli. Quella che sembrava una ipotesi fantascientifica, dopo il benestare del giocatore, si sta materializzando come una seria trattativa. Ci sono tante situazioni da risolvere, la prima quella dell’ingaggio percepito da contratto con il Liverpool, impossibile per il Palermo. Considerando, però, che la squadra inglese, avendo messo fuori rosa Balotelli, ha tutto l’interesse a trovare una soluzione per non pagare a fondo perduto l’intero ingaggio, la possibilità di arrivare ad un esito positivo del problema è concreta.

Sarà domani, perciò, una partita tra due squadre alla ricerca di una confortante prestazione in attesa di poter inserire tra i ranghi i nuovi arrivati. Ballardini, con Rajkovic squalificato per l’espulsione rimediata domenica e Morganella e Trajkovski ancora alle prese con i postumi degli infortuni rimediati, dovrebbe ricorrere ad Andelkovic e procedere con diverse sostituzioni rispetto alla formazione scesa in campo contro il Sassuolo. Sembra certo il cambiamento del modulo con l’adozione del 3-5-1-1. La probabile formazione rosanero vede Posavec in porta, difesa a tre schierata con Vitiello, Goldaniga e Andelkovic, centrocampo con Rispoli, Hiljemark, Gazzi, Chochev e Aleesami, fronte offensivo con Quaison dietro l’unica punta Nestorovski.

L’Inter, con Ansaldi, D’Ambrosio e Andreolli indisponibili, dovrebbe essere schierata da De Boer con il 4-3-3 così composto: Handanovic tra i pali, retroguardia con Nagatomo, Miranda, Murillo e Santon, a centrocampo Kondogbia, Banega e Medel, in attacco tridente con Eder, Icardi e Perisic, con Candreva in panchina.

Pietro D’Alessandro

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA