Calcio

Il no di De Zerbi, l’ufficialità di Silva e un’operazione in uscita: il punto di oggi sul Palermo

palermo-calcio
9 gen 2017 - 18:09

PALERMO - Non si dormono senza dubbio sogni tranquilli a Palermo, che dopo la sconfitta di Empoli ha bisogno di muoversi sul mercato e anche guardarsi i propri “panni sporchi”.

Infatti, Maurizio Zamparini avrebbe l’ennesimo mal di pancia e starebbe pensando di esonerare Eugenio Corini dopo una vittoria, un pareggio e tre sconfitte dall’approdo sulla panchina rosanero. Ecco perché il patron friulano ha incontrato Roberto De Zerbi per un incontro al fine di riaverlo in panchina, ma l’ex calciatore di Napoli e Catania ha rifiutato la proposta e non accoglierà positivamente un’altra ipotetica richiesta da parte di Zamparini.

Una panchina che traballa e che quindi non sarà presa nuovamente da De Zerbi, che ha voluto chiudere definitivamente le porte ai rosanero. Bisognerà capire se Zamparini, a questo punto, preferirà confermare ancora Corini oppure virare su altri profili: si fa sempre il nome di Ballardini. De Zerbi rinuncia quindi agli emolumenti e non gli verrà riconosciuta la penale anti-esonero di 500 mila euro.

Oltre al capitolo allenatore, tutto ancora da scrivere, c’è anche il manuale concernente il mercato del Palermo: oggi è arrivata l’ufficialità per l’acquisto di Stefan Silva, l’esterno svedese con origini cilene del GIF Sundsvall. Questo il comunicato ufficiale del Palermo: “L’U.S. Città di Palermo comunica di avere acquistato a titolo definitivo il calciatore Stefan Silva. L’attaccante, che ha scelto la maglia numero 9, ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2021 con il club di viale del Fante”.

Un numero pesante quello preso da Silva, ma lui è carichissimo: Mi ispiro a Ronaldo, è il mio idolo d’infanzia. Sono adatto ad indossare sia la 9 che la 10. Sono un attaccante ma mi adatto bene anche come esterno sinistro. Sono molto felice di essere a Palermo, sono arrivato ieri e non vedo l’ora di potermi allenare con i compagni e con l’allenatore. Ho molte aspettative – ha proseguito il neo calciatore rosanero -, per me è un sogno poter giocare in Serie A con la maglia del Palermo: mi sento pronto”.

Il calciatore svedese ha poi parlato con Robin Quaison, ma non ha avuto modo di scambiare due chiacchiere con il presidente Zamparini: “Robin è un amico, gli ho chiesto informazioni sulla piazza, sul club e sulla città. Mi ha detto soltanto cose positive. Non ho ancora sentito il presidente ma lo ringrazio per questo trasferimento”. Poi un pensiero sulla partita persa ad Empoli: “Una gara sfortunata, persa per un rigore. Abbiamo tutte le carte in regola per far bene e rimanere in Serie A: quest’ultima è l’unica cosa che conta”.

Operazione in uscita: l’avventura di Ouasim Bouy in maglia rosanero è terminata qui. Il calciatore marocchino, centrocampista, è rientrato alla Juventus, squadra che ne detiene il cartellino, e verrà girato in prestito al PEC Zwolle, nel campionato olandese. Fino ad ora, Bouy aveva racimolato soltanto due presenze in campionato ed una in Coppa Italia, giocando soltanto per una partita e 21 giri d’orologio (111 minuti).

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento