Automobilismo

Cubeda trionfa nella cronoscalata Giarre Montesalice Milo

IMG_20151025_165143
25 ott 2015 - 17:48

GIARRE - Con il tempo assoluto di 6.36.93, Domenico Cubeda, appartenente all’omonimo team, con la sua Osella PA/2000 si impone alla 17° edizione della cronoscalata Giarre-Montesalice-Milo, ultima prova del TIVM (Trofeo Italiano Velocità Montagna), organizzata dall’Automobil Club d’Italia di Acireale insieme alla scuderia Giarre Corse con il patrocinio dei Comuni di Giarre, Santa Venerina e Milo.

IMG_20151025_103048 (1)

Cubeda non ripete lo splendido parziale della prima manche (3.15.18) ma nonostante i cinque secondi in più con cui percorre la seconda frazione di gara, la sua vittoria non è mai stata in discussione nella classifica degli assoluti. “Ci tenevo veramente a vincere la gara di casa – ha dichiarato Cubeda - per questo ho dato tutto nella prima manche, e per fortuna la macchina ha risposto a dovere nonostante qualche problema alla parte elettrica. Sono veramente felice per la vittoria e perché ho abbassato il mio tempo”.

IMG_20151025_165207

Con la rinunzia di Domenico Scola, che non ha corso nella seconda manche, la piazza d’onore è appannaggio di Luca Caruso (Jonia Corse) che su Radical Suzuki ottiene il tempo complessivo di 6.59.15. Con la Speed Suzuki e anche lui tesserato Jonia Corse, terzo posto per Francesco Lombardo con il tempo di 7.07.10. Spendido quarto posto per il padrone di casa, Orazio Maccarrone.

DOMENICO CUBEDA

Il presidente-pilota Orazio Maccarrone, resta fuori dal podio per poco meno di quattro secondi. “È stata una giornata meravigliosa – ha dichiarato Maccarrone nella sua veste di organizzatore della cronoscalata – perché il tempo ha retto e perché il numeroso pubblico ha dato prova di grande maturità, seguendo alla perfezione le indicazioni delle forze dell’ordine. Siamo felici perché la Giarre-Montesalice-Milo è tornata ad essere una realtà dell’automobilismo siciliano. Sul piano personale sono contento perché ho abbassato di 2 secondi il mio tempo“. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento