Calcio

Coppa Italia, Palermo ko in casa: festa Spezia ai rigori (4-5)

Palermo
30 nov 2016 - 18:25

PALERMO - Sconfitta atroce anche in Coppa Italia.

Altra delusione per il Palermo, che crolla in casa contro lo Spezia ai calci di rigore (4-5) dopo lo 0-0 dei 120 minuti. Una sconfitta che è maturata in seguito ad un gioco sottotono dei rosanero ma con gli ospiti che hanno avuto le occasioni migliori. E i tifosi sono letteralmente insorti.

De Zerbi fa ampio turnover e si affida a Fulignati in porta, sostenuto da Rispoli, Goldaniga, Vitiello e Pezzella. Centrocampo a 3 formato da Hiljemark, Gazzi e Bouy, Lo Faso e Sallai trequartisti per l’unica punta Diamanti.

Primi minuti di studio per le due squadre ma la prima occasione è dello Spezia: Posavec sbaglia il rinvio e consegna palla a Migliore che, a sua volta, serve Vignali con la conclusione persa sul fondo. Da quest’occasione gli aquilotti prendono coraggio e iniziano a sfornare gioco, nonostante il Palermo provi ad impostare la manovra. Quaison e Hiljemark, “veterani” di questo Palermo, sono impalpabili e danno spazio alla squadra di Di Carlo, che al 27′ va vicinissimo al vantaggio con Cisotti: sul fondo di un soffio. Per vedere il primo spunto dei rosanero dobbiamo attendere il 38′ con il giovane Lo Faso, che colpisce troppo forte il pallone che termina alto. Primo tempo comunque con ritmi altalenanti, al 40′ l’ultima occasione è sempre per gli ospiti con Migliore: ci vuole il miglior Fulignati per evitare il gol. Ma il Palermo è pienamente bocciato.

La ripresa si apre ancora con ritmi bassi ma stavolta è il Palermo a rendersi più pericoloso: al 50′ con Sallai sfiora il vantaggio, poi niente di più. Le lancette dell’orologio continuano a girare senza regalare particolari emozioni, con I rosanero troppo timorosi. A 20′ dalla fine ci prova ancora Cisotti ma Fulignati sfrutta la sua occasione da titolare e si fa notare per il prodigioso gesto tecnico. Nel contempo, entrato già Diamanti tra le fila dei rosa, scendono in campo Aleesami (Palermo), Piu e Okereke per lo Spezia. Nei minuti finali, per evitare i supplementari, il Palermo si gioca praticamente tutto: prima Quaison impatta sui guantoni di Chichizola, poi è Sallai a sfiorare il gol con un tiro di prima intenzione. Il tutto negli ultimi cinque minuti: lo Spezia sembra cedere ma Chichizola ringrazia ancora Sallai per aver sprecato il match ball dopo una sua maldestra uscita e poi Diamanti che sfodera un sinistro di poco a lato. È 0-0 e si va ai supplementari.

Entra subito Balogh tra gli uomini di De Zerbi ma, dopo un approccio positivo dello Spezia, la fortuna pare non essere dalla parte del Palermo: al 93′ Diamanti bacia il palo su assist di Sallai. E Chichizola ringrazia ancora una volta. Primo extra-time di marca pienamente rosanero, che però non riesce a sfondare. Negli ultimi 15′ Mimmo Di Carlo dà una scossa ai suoi e lo Spezia torna ad essere pericoloso con Migliore: il minuto è il 107, Fulignati è ancora una volta bravissimo a respingere, stavolta con il piede. Poi in 7 minuti (108′ e 115′) Vitiello prende due gialli e viene espulso: entrambi i cartellini arrivano dopo due duri falli sul calciatore spezzino Okereke, Palermo in 10. La partita diventa più nervosa ma sono gli ultimi attimi del secondo tempo supplementare: ci prova debolmente lo Spezia senza sorte e si procede con i calci di rigore.

I primi tre rigori sono imparabili sia per Chichizola che per Fulignati, poi quest’ultimo si distingue per una parata su Galli. Il Palermo ha così due match point: il primo lo sbaglia con Balogh (grande parata di Chichizola), poi è lo stesso portiere dello Spezia a prendersi una grossa responsabilità trafiggendo Fulignati. Decisivi l’errore di Goldaniga subito dopo e il gol di Migliore che sancisce l’eliminazione dei rosanero.

Lo Spezia vola agli ottavi e affronterà il Napoli al San Paolo: il Palermo si lecca le ferite. O meglio dire i profondi tagli.

SEQUENZA RIGORI

Diamanti (P) gol
Sciaudone (S) gol
Hiljemark (P) gol
Okereke (S) gol
Aleesami (P) gol
Piu (S) gol
Quaison (P) gol
Galli (S) parato
Balogh (P) parato

Chichizola (S) gol
Goldaniga (P) fuori
Migliore (S) gol

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA