Pallanuoto femminile

Coppa Italia, Orizzonte contro Acquachiara, Cosenza e Messina

Giulia Campione
18 dic 2015 - 19:29

CATANIA - Con il campionato di Serie A1 ancora fermo fino al 30 gennaio, arriva la chiusura del 2015 di gare con l’andata della prima fase preliminare della Coppa Italia di pallanuoto femminile, che per l’Ekipe Orizzonte sarà l’ultimo appuntamento ufficiale dell’anno solare. Domani, sabato 19, e domenica 20 dicembre le catanesi saranno infatti in campo nella piscina “Francesco Scuderi” di Via Zurria, dove si disputerà il girone C. Le rossazzurre esordiranno domani pomeriggio alle 18:15 contro l’Acquachiara Ati 2000, mentre alle 19:45 si giocherà Despar Messina-Città di Cosenza. Domenica alle 10:00 L’Ekipe Orizzonte tornerà in vasca per affrontare proprio le calabresi. Alle 12:00 scenderanno in campo Despar Messina ed Acquachiara Ati 2000 e le napoletane chiuderanno la prima fase con il match delle 16:30 contro il Città di Cosenza. In chiusura di giornata, alle 18:00, il derby tra le rossazzurre e la Despar Messina.

Per le catanesi sarà quindi un test molto impegnativo e sarà interessante capire come si comporterà la formazione rossazzurra senza l’apporto di capitan Tania Di Mario e Valeria Palmieri, assenti per gli impegni con la nazionale azzurra, ed Emily Greenwood, tornata negli Stati Uniti poco meno di dieci giorni fa.

Arriveranno dunque indicazioni interessanti per il coach dell’Ekipe Orizzonte, che alla vigilia del primo incontro presenta il proprio girone, identificandone le insidie: “Sarà certamente un girone molto durodice Martina Miceli perché è l’unico con quattro squadre, mentre gli altri due sono da tre. Credo che sarà molto bello ed equilibrato, anche se sicuramente il livello sarà ancor più basso di quello del campionato per via delle numerose assenze che alcune squadre avranno. In ogni caso sono convinta che saranno tutte partite avvincenti, anche alla luce del fatto che l’età media in campo sarà molto bassa in tutte le squadre e probabilmente giocheranno atlete con maggiore voglia e cattiveria per una competizione del genere, perché magari avendo meno spazio in campionato vorranno farsi vedere tutte. Credo che questo ad esempio valga soprattutto per la nostra squadra, mentre per l’Acquachiara penso che ci sarà più o meno la stessa rosa in vasca. Mi aspetto grandi cose dalle mie, perché anche chi giocherà in questo week-end dovrà dimostrare che può essere grande protagonista, ben sapendo che Tania e Valeria sono fondamentali per noi e che sentiremo la loro mancanza. Però anche chi sarà in campo domani e domenica ha le carte in regola per mostrare tutto il proprio orgoglio, indipendentemente dal risultato, e sono convinta che ci potremo divertire pure stavolta e avremo la possibilità di testare ciò che stiamo progettando per il futuro. Sarà comunque un bel torneo, credo che il Cosenza sulla carta sia la squadra più forte e che il Messina è quella che insieme a noi subirà più assenze, anche se avrà comunque a disposizione Silvia Bosurgi, che è capace di far la partita da sola, e altre due giocatrici che sono titolari pure in campionato. Noi però ce la giocheremo con tutti fino alla fine, poi vedremo dove arriveremo”.

Il ritorno della prima fase del Girone C si giocherà con le stesse squadre in campo sabato 16 e domenica 17 gennaio a Cosenza. Le prime due classificate si qualificheranno alla Final Six.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA