Calcio

Chi compra il Messina? Stracuzzi: “Intesa con cordata laziale”

fonte foto: MessinaSportiva
fonte foto: MessinaSportiva
11 gen 2017 - 16:20

MESSINA – Tutto per il bene del club.

Questo il concetto fondamentale della conferenza stampa tenuta dal presidente del Messina, Natale Stracuzzi, e da tutta la proprietà: senza fare chiarezza per le questioni societarie, non avrà inizio nemmeno il mercato. Queste, però, sembra che si stiano risolvendo.

Vogliamo il bene del Messina, questo è il nostro scopo e non pensiamo ai soldi. La nostra volontà è quella di trovare qualcuno che metta soldi nelle casse dell’Acr, non che li diano a noi. Una proprietà non resta a vita, ma la squadra sì. Cerchiamo quindi un futuro quanto più roseo possibile” ha detto il patron del club peloritano.

Ad oggi, il Messina non ha ricevuto tante offerte raccogliendo soltanto un lungo tira e molla con il dott. Franco Proto, “persona per bene con cui abbiamo un ottimo dialogo, così come il suo entourage” ha detto Stracuzzi. Adesso, però, è stata accettata la proposta di una cordata fortemente interessata all’acquisto delle quote di maggioranza, offrendo “condizioni vantaggiose“.

Quale cordata? Non possono ancora essere forniti dettagli specifici, come dichiarato dal patron giallorosso, “ma è stata già trovata un’intesa. Entro la fine di gennaio questo gruppo immetterà dei capitali, tutto sta a nostra discrezione riguardo alle percentuali”. Funzionerà così: con l’acquisto del 33%, la proprietà verserà 200 mila euro; con l’acquisto del 50% saranno 300 mila e con l’88%, si toccherà quota 500 mila.

Il rappresentante di questo gruppo, del Lazio, è Angelo Massone: un uomo che è stato presidente di un club di calcio rumeno, l’Fc Ceahlaul, e ha investito più di due milioni di euro. “Lui si è impegnato a versare nelle casse del Messina una cifra pari a 500.000 euro, il suo curriculum gli fa onore - ha proseguito Stracuzzi -. Ringrazio particolarmente anche Domenico Gallina ed Ezio Ruvolo, che hanno contribuito economicamente in maniera importante”.

Dell’altro imprenditore non posso fare il nome, altrimenti la trattativa potrebbe saltare. C’è la volontà di affiancare il gruppo romano. Si tratta di un siciliano, è serio e molto facoltoso, interessato ad acquisire delle quote” ha concluso.

Quindi: Massone il primo imprenditore, “Mister X” il secondo. L’offerta, seppur abbozzata, c’è e Stracuzzi l’ha accolta. Il futuro del Messina sembra vedere le prime luci di un’alba migliore.

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento