Lega Pro

Che impresa dell’Akragas! Cocuzza su rigore piega meritatamente il Matera

1489922891067
19 mar 2017 - 16:46

AGRIGENTO - È festa Akragas all’”Esseneto”: la squadra di Di Napoli piega 1-0 il Matera in un match che sulla carta sembrava già compromesso ma che in realtà con gioco, organizzazione e grinta è stata portata a casa dagli akragantini.

Queste le formazioni:

Akragas (3-5-2): Pane; Mileto, Riggio, Thiago Cazé; Longo, Palmiero, Bramati, Coppola, Sepe; Cocuzza, Klaric. All. Di Napoli

Matera (3-4-3): Tozzo; Scognamiglio, Gigli, Mattera; Di Lorenzo, Salandria, De Rose, Casoli; Strambelli, Negro, Lanini. All. Auteri

Reduci da una vittoria convincente, adesso entrambe le formazioni cercano conferme per raggiungere i loro obiettivi stagionali. I padroni di casa scendono in campo in maglia rossa e con il lutto al braccio in ricordo del fratello del presidente Giavarini, Gianni, scomparso di recente.

A partire subito forte è il Matera con un destro importante di Strambelli direttamente da calcio d’angolo, che impegna Pane, costretto a rifugiarsi in corner. L’Akragas riesce a superare la metà campo avversaria e rendersi pericoloso al 12′: l’esterno di centrocampo Longo salta un uomo al limite dell’area di rigore e invece di avanzare decide di concludere. Scelta sbagliata, visto che il tiro non impensierisce il portiere avversario Tozzo. Sono queste due le occasioni importanti del primo tempo, che termina sullo 0-0. Poche emozioni, con il Matera bloccato da un Akragas ben organizzato e che non concede praticamente nulla ai lucani. Inoltre, c’è anche spazio per qualche tentativo in avanti da parte degli akragantini.

La formazione di Di Napoli scopre Klaric e quando l’attaccante accende i motori è subito determinante: inizia la ripresa, al 55′ la punta biancoazzurro trova un diagonale da posizione ravvicinata che Tozzo respinge con non poche difficoltà. È quest’azione, la più pericolosa del match, a dare fiducia all’Akragas e a colpire nel momento in cui il Matera sembra dover ancora rientrare in campo: calcio di rigore. Cocuzza salta agilmente Gigli dopo avergli soffiato il pallone e prova a superare anche Tozzo palla al piede, che però lo stende. Soltanto giallo per il portiere.

È lo stesso Cocuzza che calcia dal dischetto e spiazza l’estremo difensore materano. Poi va ad esultare sotto la tribuna esibendo una sottomaglia dedicata alla figlia, nata poche settimane fa, presente allo stadio. Quello che conta di più è però il risultato: 1-0 per l’Akragas.

A quel punto partono le sostituzioni, soprattutto in casa Matera: entrano nel giro di 4 minuti Sartore e Didiba per Gigli e Lanini. Modulo super offensivo per i lucani, che avevano risposto al cambio effettuato da Di Napoli che ha visto uscire l’autore del goal Cocuzza per far spazio a Salvemini.

Al 77′ Pane si supera con un grande intervento su Negro. Resta tutto solo, e a porta vuota, il neo entrato Sartore che non sfrutta la respinta del portiere siciliano e calcia fuori, sprecando clamorosamente l’opportunità per il pareggio. Il Matera continua a provarci, l’Akragas si difende con le unghie e con i denti. Alla fine, il goal di Cocuzza è decisivo e i tifosi akragantini festeggiano.

Finisce quindi 1-0 il match dell’”Esseneto”, con l’Akragas che trova la sua seconda vittoria consecutiva dopo quella di Taranto e spedisce all’inferno il Matera, che spreca l’opportunità di rimettersi in gioco per i primi due posti. Merito alla squadra siciliana che ha mostrato di saper lottare fino all’ultimo secondo con la voglia di salvarsi senza passare dai play-out. Negli altri campi, il Catanzaro ha pareggiato contro il Monopoli e il Messina ha vinto 3-1 contro il Taranto. Quindi, l’Akragas si porta a 30 punti e al quindicesimo posto, l’ultimo valido per la salvezza diretta.

Ci sono ancora tante finali da giocare, ma con questo spirito la salvezza insperata qualche mese fa adesso può diventare realtà.

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA