Calcio

Il Catanzaro s’inchina al Catania che prosegue la scalata

img_20161113_182852
13 nov 2016 - 19:00

CATANIA - Vince il Catania la battaglia sportiva dello stadio “Angelo Massimino” contro il Catanzaro. 3-1 il risultato finale e partita vinta con merito dal Catania. Nel primo tempo numerose occasioni da gol costruite ma solo una rete siglata dai rossoazzurri, passati subito in vantaggio con Biagianti.

Prima dell’intervallo Tavares pareggia ma Mazzarani segna il momentaneo 2-1. Nella ripresa il Catanzaro reagisce ma senza trovare il bandolo della matassa, anche grazie ad alcuni interventi provvidenziali di Pisseri.

Al 26′ Di Grazia chiude definitivamente i giochi, nel contesto di un secondo tempo caratterizzato dalle ammonizioni di Tavares, Di Bari, Paolucci, Bucolo, Giovinco, Di Cecco e le espulsioni di Bergamelli, Prestia, Rigoli, Drausio, Di Bari (doppio giallo) e Pasqualoni. Un autentico bollettino di guerra, ma l’arbitro ha perso il controllo del match dopo l’intervallo. Prosegue la risalita in classifica del Catania, Catanzaro invece sempre più giù.

CATANIA-CATANZARO, TABELLINO PARTITA

MARCATORI: 2′pt Biagianti, 29′pt Tavares, 45′pt Mazzarani, 26′st Di Grazia

FORMAZIONE CATANIA (4-3-3)12 Pisseri; 24 Di Cecco, 6 Gil Drausio, 3 Bergamelli, 20 Djordjevic (6′st 28 Parisi); 27 Biagianti, 4 Bucolo, 21 Fornito; 32 Mazzarani (24′st 16 Bastrini), 9 Paolucci, 23 Di Grazia (35′st 13 De Santis). A disp di Pino Rigoli: 1 Martinez, 2 Nava, 26 De Rossi, 30 Piermarteri, 5 Scoppa, 11 Barisic, 7 Calil, 10 Russotto, 19 Anastasi.

FORMAZIONE CATANZARO (4-2-3-1)1 Grandi; 6 Patti, 21 Di Bari, 15 Prestia, 23 Esposito; 5 Carcione, 20 Maita; 4 Icardi (26′st 2 Pasqualoni), 25 Van Ransbeeck (15′st 10 Giovinco), 7 Cunzi (40′st 19 Basrak); 9 Tavares. A dis. di Nunzio Zavettieri: 12 Leone, 22 De Lucia, 18 Bensaja, 11 Moccia, 24 Roselli, 26 Imperiale.

NOTE: 1′ di recupero primo tempo; 6′ di recupero secondo tempo.

AMMONITI: Tavares, Di Bari, Paolucci, Bucolo, Giovinco, Di Cecco.

ESPULSI: Bergamelli, Prestia, Rigoli, Drausio, Di Bari (doppio giallo), Pasqualoni.

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA