Calcio

Catania, slittano sentenza e match di Coppa Italia. Venerdì ripresa degli allenamenti

Catania vs Spal
12 ago 2015 - 19:52

CATANIA - Ieri è stato un giorno importante per il Catania, in quanto si è tenuto a Roma il processo di primo grado. Il procuratore Stefano Palazzi ha richiesto la sanzione di 5 anni di inibizione per Pulvirenti, Catania in Lega Pro con 5 punti di penalizzazione oltre a 5 anni di inibizione più 3 anni di preclusione, e 60mila euro di ammenda per Cosentino, 5 anni di inibizione più 3 anni di preclusione e 60mila euro di ammenda per Di Luzio.

Adesso spetterà al Tribunale Federale adottare i provvedimenti decisivi, decidendo se accogliere o meno le richieste formulate da Palazzi. In un primo momento si pensava che tra oggi e domani si conoscesse l’emissione della sentenza. Invece sapremo tutto nei prossimi giorni, precisamente lunedì 17 agosto quando verranno emesse tutte le sentenze di primo grado.

Nel frattempo le indagini relative a ‘I treni del gol’ proseguono. L’ormai ex presidente del Catania Antonino Pulvirenti ha svelato in sede di giustizia, collaborando ad ogni livello, anche altri nomi che si riveleranno utili ai fini dell’accertamento di ogni precisa responsabilità. Al momento non ci sono giocatori delle squadre avversarie deferiti e la strategia adottata dalla difesa del Catania è orientata a dimostrare che si sia trattato solo di tentate combine, e non di alterazione effettiva dei risultati delle partite contestate.

Intanto, tra pochi giorni, esattamente la sera del 15, si sarebbe dovuta disputare la gara di Coppa Italia tra Catania e Cesena, valida per il terzo turno eliminatorio. Invece così non sarà. La Lega Serie A ha infatti reso noto, attraverso un comunicato ufficiale, che il match verrà disputato qualche giorno dopo, il 20 agosto, sempre alle ore 20.30 e allo stadio Angelo Massimino. Infine il Catania tornerà ad allenarsi a Torre del Grifo venerdì 14 effettuando una doppia seduta di lavoro agli ordini di mister Pancaro. 

 

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento