Calcio

Catania, adesso ritrova il feeling con la vittoria

Catania
30 gen 2016 - 21:42

CATANIA – Domenica sarà il giorno della prima vittoria rossoazzurra dell’anno solare 2016? Lo spera il Catania ed è quanto auspicato dai tifosi. Reduce da tre pareggi consecutivi, il Catania ha l’assoluta necessità di riassaporare il gusto dei tre punti. Vincere si rivela di fondamentale importanza perché la classifica piange, la robusta penalizzazione pesa e la zona Playout è ancora lì, ad un passo. Urge, pertanto, fare bottino pieno per alimentare le speranze di risalire la classifica allontanandosi dalla zona a rischio.

E’ probabilmente azzardato, in questo momento, ipotizzare una cavalcata verso i quartieri alti. Ma chissà che, facendo registrare un filotto di successi, lo scenario non muti. Per intanto è d’obbligo assicurarsi nel più breve tempo possibile la matematica certezza di difendere il calcio professionistico. Poi si vedrà quel che la squadra di Giuseppe Pancaro avrà seminato lungo il percorso.

Sulla strada dell’Elefante c’è il Matera, non il migliore avversario che il Catania potesse incontrare in questo momento. Anche perché i materani godono di buona salute, da quando siede sulla panchina lucana Pasquale Padalino sono riusciti ad invertire la rotta, guadagnando nuove posizioni fino a sognare un inserimento nella griglia dei Playoff che sembrava utopia fino a poco tempo fa. Ci si attende un match aperto al cospetto di un Matera che tenterà d’imporre il proprio gioco.

Il Catania, dal canto suo, sa di potere sfruttare a proprio vantaggio il prezioso ‘fattore Massimino’. Per l’occasione non saranno disponibili Russotto e Parisi, non ancora al meglio delle condizioni fisiche, oltre ai centrocampisti Russo e Castiglia che potrebbero essere in odore di cessione. In casa Matera, invece, tutti disponibili ad eccezione dello squalificato Piccinni, perno della retroguardia. Nell’attesa di perfezionare le ultime operazioni di calciomercato, il Catania proverà a ritrovare il feeling con la vittoria.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento