Calcio

Catania, Rigoli: “La gara di Foggia ci dirà veramente chi siamo”

Pino Rigoli
5 nov 2016 - 13:01

CATANIA - Vigilia di Foggia-Catania, Mister Pino Rigoli interviene in Sala Stampa consapevole che sarà una gara molto difficile ma, al tempo stesso, che i rossoazzurri potrebbero concretamente ottenere un risultato importante allo “Zaccheria”. “Domenica ci attende la formazione più forte del campionato, o comunque una delle pretendenti al primo posto finale. Vanta una buona organizzazione di gioco ed un organico completo, forte in tutti i reparti, dotato di gente capace di risolvere le partite in qualsiasi momento. Soprattutto in attacco e penso, in particolare, a giocatori che rispondono ai nomi di Sarno e Chiricò. Il Foggia ha cambiato poco rispetto alla passata stagione. Noi, comunque, ce la giocheremo per provare a portare a casa un risultato importante anche perché il Catania non è una squadretta e possiede le carte in regola per essere temuto. Abbiamo allestito una compagine nuova e ci sono tempi fisiologici da rispettare. Sarà una sfida bella da vivere, scenderemo in campo senza timori reverenziali e ci hanno fortificato le recenti vittorie in campionato. Questa gara dirà chi siamo veramente”. 

Il tecnico del Catania ha deciso di non convocare Silva, De Rossi e Piscitella. Inoltre torna brevemente sulla brutta sconfitta nel derby di Coppa Italia con il Messina: “Le assenze di Silva, De Rossi e Piscitella dalla lista dei convocati rappresentano esclusivamente scelte di natura tecnica. Ho una rosa ampia e non c’è alcun riferimento con la partita di Coppa Italia persa a Messina. Anche se, certamente, mi aspettavo di più da parte di tutti allo stadio ‘San Filippo’. Abbiamo perso contro una squadra che non ha fatto nulla di trascendentale e fa male, la rabbia nei miei giocatori era tanta. Al punto che sarebbero voluti scendere in campo già il giorno dopo il ko. Comunque la Coppa rappresenta ormai un capitolo chiuso, adesso concentriamo tutte le nostre attenzioni sul Foggia”.

Rigoli si sofferma, inoltre, sui singoli e senza svelare chi potrebbe giocare domenica: “Barisic, Russotto, Drausio, Anastasi, Fornito e Parisi? Abbiamo sempre puntato su Maks, va gestito nel modo giusto e stiamo effettuando un lavoro personalizzato su di lui. Russotto, invece, si allena sempre bene ma ha un blocco mentale. Ho parlato con lui per cercare di rimuoverlo, ce l’ha con se stesso perché non riesce a dare sul campo quel che si aspetta. Anastasi si é sempre impegnato al massimo delle sue possibilità. Drausio sa che c’è ancora da lavorare ma continua a fare registrare progressi con il passare del tempo. Bastrini vuole rientrare, sta bene come Parisi. E’ abile ed arruolabile, ha lavorato con il gruppo questa settimana. Non so se Fornito giocherà, deciderò domani”.

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA