Calcio

Catania, presentati altri acquisti. Ferrigno: “Concentrati su presente e futuro”

presentazione
11 feb 2016 - 14:35

CATANIA - Fabrizio Ferrigno, Collaboratore dell’Area Tecnica del Calcio Catania, presenta i neo acquisti Francesco Felleca, Arturo Lupoli, Florin Logofatu ed Axel Gulin a Torre del Grifo Village. “Il nostro progetto è concentrato sul lavoro relativo al presente ma anche in prospettiva futura. In questo senso l’acquisto di un giocatore come Lupoli è rappresentativo del presente, Felleca del futuro. Arturo non ha bisogno di presentazioni, lo abbiamo preso quando il calciomercato stava per chiudere i battenti ma lo seguivamo già da tempo. Gulin, nonostante la giovane età, ha già fatto esperienza in Lega Pro mentre Logofatu lo seguivamo dalla precedente stagione, quando indossava la casacca dell’Altovicentino, una della squadre più forti di Serie D”.

Ferrigno approfitta dell’intervento in Sala Stampa parlando anche della sconfitta di Ischia e del prossimo impegno di campionato con il Lecce. “Ad Ischia la squadra non è mai scesa in campo, ma può capitare nel corso della stagione una partita del genere. Adesso il match in programma con il Lecce capita nel momento giusto perché si tratta di un incontro che si prepara da solo. I salentini verranno qui per vincere, sta a noi dimostrare di essere all’altezza giocando con furore e cattiveria agonistica, reagendo da uomini. Ai tifosi dico che abbiamo sempre bisogno di loro”.

I neo acquisti rossoazzurri commentano il trasferimento ai piedi dell’Etna, a cominciare da Felleca. “Darò il massimo per il bene del Catania. Mi piace giocare in posizione di esterno d’attacco destro ma, all’occorrenza, posso anche giostrare sulla sinistra. Sono venuto qua per fare del mio meglio, aiutando la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati. Torre del Grifo Village è un Centro Sportivo bellissimo, non manca davvero niente per fare bene qui”.

Anche Gulin felice di essere approdato a Catania. “Conoscevo già questo Centro Sportivo per averci giocato con la Primavera della Fiorentina, penso sia uno dei migliori in Italia. E’ davvero molto bello, si tratta di una struttura favolosa. Onestamente quando mi ha chiamato il Catania non ci credevo. Rappresenta un salto di qualità molto importante per me essere qui. Il mio ruolo preferito è quello di esterno offensivo destro. Sono in Sicilia per crescere e cercare di giocare il più possibile, anche se non è facile perché la concorrenza è tanta e la Lega Pro è un campionato difficile”.

Parola anche al più esperto dei nuovi arrivi, Lupoli. “Nel corso della carriera ho raccolto le principali soddisfazioni in Inghilterra, poi ho avuto una serie di alti e bassi in Italia ma vengo a Catania con la stessa voglia di fare di quando avevo 17 anni. A Pisa la mia esperienza era iniziata nel migliore dei modi in questa stagione, poi ho fatto i conti con problemi fisici ed ho faticato a trovare spazio. Adesso sono qui in prestito per dare il mio contributo alla causa rossoazzurra. Voglio lasciare il segno. Preferisco giocare da seconda punta ma ho ricoperto in carriera anche il ruolo di esterno. Sono molto contento di essere a Catania. Dimentichiamo Ischia, lì non si è visto il vero Catania. Ora affrontiamo il Lecce come se fosse l’ultima partita dell’anno”.

Spazio, infine, alle dichiarazioni del romeno Logofatu. “Sono qui per imparare e crescere. Lo farò certamente con l’aiuto di portieri come Liverani e Bastianoni.  Mi piacciono molto gli estremi difensori italiani, in particolare s’impara tanto da Buffon. Mi sono subito integrato in questo gruppo. Sono convinto che, impegnandomi al massimo, le soddisfazioni arriveranno”.

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA