Calcio

Catania, Pozzebon e Di Grazia infiammano il “Massimino”. Matera ko

IMG_20170207_222827
7 feb 2017 - 22:55

CATANIA - Preziosa vittoria per i rossoazzurri in chiave Play Off. Steso il forte Matera al “Massimino”. Un successo con dedica speciale alla memoria di Ciccio Famoso, il tifoso etneo scomparso nei giorni scorsi. Splendida cornice di pubblico ed entusiasmo alle stelle sugli spalti. In campo, invece, eccezion fatta per i minuti iniziali del match e qualche pericolosa iniziativa degli ospiti, il Catania ha giocato con personalità e brillantezza.

Perfetta l’intuizione di mister Rigoli che ha inserito Di Grazia nel 3-5-2 in posizione arretrata. Proprio il talento catanese ha fatto la differenza. Decisivo nell’economia della gara, poi, Pozzebon che al 25′ ha sfruttato un assist al bacio di Di Grazia depositando la palla in fondo al sacco. Nel corso della ripresa, corner dello stesso e sfortunata deviazione nella propria rete per Armellino.

Il 2-0 stende un Matera che tenta la reazione ma lo fa con poca lucidità e tanto, troppo nervosismo. Ne fa le spese un componente della panchina lucana che viene allontanato dal direttore di gara. Il Catania vince e convince, meritando gli applausi a scena aperta del caloroso pubblico del “Massimino”.

CATANIA-MATERA, TABELLINO PARTITA

MARCATORI25′ Pozzebon, 59′ aut. Armellino

FORMAZIONE CATANIA (3-5-2): Pisseri; Gil Drausio, Bergamelli, Marchese; Di Grazia (78′ Parisi), Biagianti, Scoppa, Mazzarani (74′ Fornito), Djordjevic; Pozzebon (67′ Russotto), Tavares.
A disp. di Pino Rigoli: Martinez, De Rossi, Manneh, Mbodj, Bucolo, Di Stefano, Piermarteri, Barisic, Graziano.

FORMAZIONE MATERA (3-4-3): Tozzo; Mattera, Bertoncini, Ingrosso; Casoli, Iannini, Armellino, Meola (62′ Salandria); Negro, Carretta, Strambelli (62′ Lanini).
A disp. di Gaetano Auteri: D’Egidio, Bifulco, Biscarini, Sognamillo, Gigli, De Rose, De Franco, Armeno, Didiba, Dammacco.

NOTE: 0′ di recupero primo tempo; 3′ di recupero secondo tempo; allontanato un componente della panchina del Matera.

AMMONITI: Marchese, Carretta, Scoppa, Iannini, Lanini

Comments

comments

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA