#fuoridalcampo

Catania, Piscitella su Instagram: “Non ho avuto occasioni. In bocca al lupo, squadra”

1483632254149
5 gen 2017 - 17:11

CATANIA - Di poche ore fa l’addio di Giammario Piscitella al Catania, ceduto ufficialmente al Prato.

Lui ha voluto postare su Instagram un messaggio d’addio, un po’ pungente per ll’allenatore Pino Rigoli che non gli ha concesso lo spazio che avrebbe voluto e che sicuramente avrebbe dovuto avere. Questo il bel messaggio dell’ex calciatore rossazzurro:

È finita la mia esperienza a Catania. Ci tenevo a precisare alcune cose e a dare delle risposte a chi come me alcune cose non le ha capite fino in fondo. Mi dispiace che sia finita così perché solo Dio sa con quanto entusiasmo avevo scelto Catania e quanto mi stava a cuore la sua risalita, ringrazio lo splendido popolo catanese e tutti quelli che puntualmente nonostante tutto sono ancora lì allo stadio, ringrazio la magnifica città che merita molto di più. Ci tenevo a precisare che, al contrario di quello che ha detto qualcuno e che ho letto in qualche intervista, io ho dato sempre tutto fuori e dentro dal campo in ogni singolo allenamento, anche e soprattutto quando sono stato messo fuori senza un valido motivo, ho cercato sempre di rispettare me stesso e la maglia che portavo e ho avuto un comportamento sempre professionale davanti a qualsiasi situazione e a qualsiasi tipo di trattamento che è stato messo in atto nei miei confronti”.

“Volevo poi rispondere – ha proseguito Piscitella – a chi ha detto che ‘NON HA CONVINTO’ o ‘MI ASPETTAVO DI PIÙ’ che non ho mai avuto la possibilità di sbagliare, non sono mai stato messo nelle condizioni di potermi giocare una chance, una volta è successo a Reggio Calabria, prima ed ultima. Mi chiedo come fa un giocatore a non convincere se gioca 1 sola partita in un girone facendo tra l’altro anche gol. Faccio un grande in bocca al lupo alla città di Catania, ai tifosi e ai miei compagni di squadra che sicuramente sapranno dare tante soddisfazioni! Vi seguirò sempre!”.

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento