Calcio a 5

Il Catania perde contro il Salinis, Marletta: “Contro di noi anche i pali”

Antonio Marletta presidente Catania calcio a 5
Antonio Marletta, presidente Catania calcio a 5
31 ott 2015 - 19:31

CATANIA – Nulla da fare per il Catania Calcio a 5, che trova nel palo il nemico numero uno nella partita casalinga contro il Salinis.

Gli etnei iniziano bene, dominando i primi minuti della sfida. Ma, come detto, i sostegni della porta si sono rivelati impietosi: per la prima volta con Dalcin, che dopo pochi minuti di gioco si vede negare il gol. Poi, a metterci una pezza è anche il portiere avversario Biscaro, che si oppone a Mendes. Successivamente, Neves colpisce il secondo palo di giornata. Non c’è speranza e sul più bello gli ospiti escono dal guscio. All’8′ ci prova Almicar. Tuttavia il Catania riprende in mano la situazione e passa in vantaggio con Dalcin, ben servito da Mendes (13′). Ad un minuto dalla fine, sono ancora gli etnei a sprecare due ghiotte occasioni in contropiede. Poi arriva la beffa: allo scadere Galan trova il pari.

Ad inizio ripresa è lo stesso giocatore del Salinis a provarci, ma Marino si oppone. Dalla parte opposta ci prova Neves, ma senza fortuna. Al settimo minuto, ancora sfortuna per il Catania: Mendes fa tutto bene, batte il portiere ma non il palo, autentico alleato della squadra avversaria. Che ne approfitta poco dopo con Almicar per trovare il vantaggio. Un episodio che taglia le gambe alla formazione etnea, che vede insaccarsi anche un terzo tiro dopo pochi minuti. Come se non bastasse Mendes raccoglie la seconda ammonizione, mettendo ancora di più in salita la partita per la sua squadra. Il colpo gobbo giunge a otto minuti dalla fine con Galvan.

Inutile il tentativo di provare con il portiere volante. Anzi, Almicar approfitta della situazione per mettere a segno il definitivo 6-1.

Tanta amarezza per il presidente del Catania Antonio Marletta: “Non si può perdere così una partita dominata per lunghi tratti. Ci ha messo del suo persino la terna arbitrale. Quando giochiamo in trasferta ci picchiano, qua fanno quello che vogliono. Per il resto faccio i complimenti ai ragazzi”.

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento