Calcio

Catania, il percorso con Pulvirenti nella storia dopo dieci giornate

© Newsicilia.it - Il Presidente del Calcio Catania Antonino Pulvirenti in sala stampa.
© Newsicilia.it - Il Presidente del Calcio Catania Antonino Pulvirenti in sala stampa.
27 ott 2014 - 19:52

CATANIA - Con la vittoria conseguita sabato pomeriggio contro il Vicenza, il Catania ha raccolto il nono punto stagionale. Scongiurata l’eguaglianza dei record negativi dei campionati 2009/2010 e 2013/2014, attraverso i quali i rossoazzurri avevano rispettivamente raccolto dopo dieci giornate 7 e 6 punti. Anche lo scorso anno, a questo punto della stagione, il Catania effettuò un cambio alla guida tecnica della squadra rimpiazzando Rolando Maran con Luigi De Canio. Stessa sorte toccò al Catania 2009/2010: in quel caso a pagare le conseguenze di una classifica deficitaria fu Gianluca Atzori. Ma diamo rapidamente uno sguardo ai precedenti del Catania di Pulvirenti dopo 10 giornate di campionato:

Serie B 2004/2005 - Rendimento altalenante con Maurizio Costantini seduto sulla panchina etnea. Dopo il negativo esordio di Arezzo la squadra dell’Elefante ha alternato vittorie, pareggi e sconfitte. La più pesante allo stadio Bentegodi contro il Verona, un sonoro 4-0. Il 29 ottobre il calciatore Roberto Goretti regalò i tre punti al Bari, avversario in terra etnea. Sconfitta fatale al tecnico rossoazzurro che venne rimpiazzato da Nedo Sonetti con risultati lusinghieri ed i playoff sfiorati.

maurizio costantini

Serie B 2005/2006 - Anche in questo caso Catania discontinuo nel gioco e nei risultati. Il vittorioso esordio interno con il Brescia aveva lasciato intuire che per i rossoazzurri potesse essere una stagione di successo. Così alla fine è stato, ma nelle prime dieci giornate di campionato gli etnei guidati da Pasquale Marino faticarono non poco. Il 15 ottobre, data della netta sconfitta di Mantova per 3-0, rappresentò il momento della presa di coscienza. Da lì in poi, eccezion fatta per qualche risultato, il Catania ingranò la marcia giusta fino a conquistare la promozione in Serie A dopo oltre vent’anni di attesa.

seriea

Serie A 2006/2007 - Grande entusiasmo in città per il ritorno del Catania in Serie A. Tredici punti raccolti dalla squadra del riconfermato Marino nelle prime dieci giornate. Migliori risultati ottenuti in questo scorcio di campionato la vittoria di misura all’esordio contro il Cagliari ed il 3-1 rifilato alla Lazio. Tra i momenti indelebili l’eurogol di Giuseppe Mascara a Milano al cospetto dell’Inter, vittoriosa per 2-1 ma con grande sofferenza al cospetto di un generosissimo Catania.

Serie A 2007/2008 - Positivo il rendimento complessivo nelle prime dieci giornate. Il Catania di Silvio Baldini, dopo un avvio poco convincente seppe risollevarsi disputando un buon girone d’andata e creando qualche grattacapo alle grandi di A. In particolare il Milan, non andato oltre l’1-1 a San Siro e che soltanto grazie alla trasformazione di un calcio di rigore di Kakà evitò una clamorosa sconfitta, rispondendo al momentaneo vantaggio di Jorge Martinez, famoso per la sua ‘Malaka dance’.

Serie A 2008/2009 - Primo classificato in Serie A per qualche ora alla settima giornata, il Catania fece parlare positivamente di sé. Nelle prime dieci partite di campionato sbagliò davvero poche volte. Importante ricordare soprattutto il 2-0 rifilato al Palermo ed il gol di Plasmati a Torino contro la Juventus. Quel Catania vendette cara la pelle contro chiunque, trascinato dalla grinta trasmessagli in panchina da Walter Zenga, allenatore che sarà sempre riconoscente al club del presidente Pulvirenti per averlo messo nelle condizioni di lavorare al meglio.

zenga

Serie A 2009/2010 - Bottino decisamente magro nelle prime dieci giornate. Gianluca Atzori approdò ai piedi dell’Etna con grande entusiasmo ma, un po’ per sfortuna, un po’ per difficoltà nella gestione del gruppo e mancanza di risultati, l’avventura del tecnico di Collepardo non durò a lungo. Una sola vittoria conseguita nella sua gestione, per il resto varie sconfitte ed inutili pareggi. Fortunatamente ci pensò Sinisa Mihajlovic a ravvivare un derelitto Catania.

Serie A 2010/2011 - Un Catania affetto da pareggite acuta quello guidato da Marco Giampaolo. Troppi tatticismi, poco spettacolo, squadra difensivista e poco pungente in avanti. Tra la prima e la decima giornata si ricordano soltanto due vittorie, rispettivamente al cospetto di Parma e Cesena, ma anche il pareggio contro il Milan al “Meazza” dove una fucilata di Ciro Capuano consentì ai rossoazzurri di portarsi momentaneamente in vantaggio. Peccato che Filippo Inzaghi, attuale allenatore del Milan, negò la gioia dei tre punti al Catania fissando il risultato sul definitivo 1-1.

Serie A 2011/2012 - Uno dei più bei Catania di sempre quello allenato da Vincenzo Montella. Gioco spumeggiante, squadra capace di giocare con personalità e meccanismi di gioco perfetti. Era davvero un piacere osservare sul rettangolo di gioco le prestazioni del Catania. Nelle prime dieci giornate di campionato riuscì ad infastidire squadre come Fiorentina, Juventus, Napoli e Inter battendo le ultime due. Almiron, Lodi, Bergessio, Gomez, Barrientos e Marchese erano i principali trascinatori del Catania di Montella.

montella

Serie A 2012/2013 - Nostalgia ripensando alla stagione dei record di punti in Serie A. Il Catania di Rolando Maran fece accarezzare a lungo il sogno della qualificazione in una competizione europea. Dodici i punti raccolti nelle prime dieci giornate, caratterizzate soprattutto dal colpaccio sfiorato all’esordio esterno con la Roma e dall’eroico pareggio interno con il Napoli giocando sin dai primi secondi del match in inferiorità numerica. Alla nona di campionato impossibile non ricordare i “misfatti” di Catania-Juventus. Incredibile il gol dell’1-0 annullato a Bergessio e quello convalidato a Vidal, in posizione irregolare.

Serie A 2013/2014 - Sei punti nelle prime dieci partite, attraverso le quali i rossoazzurri rimediarono diverse batoste vincendo soltanto in casa contro il Chievo per 2-0. Era il presagio di una stagione purtroppo rivelatasi fallimentare che ha trascinato la squadra rossoazzurra verso l’inferno della Serie B, categoria da cui quest’anno è ripartita e che la tifoseria spera di abbandonare molto presto per riassaporare il ben più consono palcoscenico della A.

pellegrino

Serie B 2014/2015 - Alla decima giornata il Catania ha piegato il Vicenza, conquistando il secondo successo in campionato che gli consente di salire a quota 9 punti in classifica. Il ritorno del presidente Pulvirenti in panchina è coinciso con un successo meritato per quanto evidenziato nel corso della ripresa dopo un primo tempo imbarazzante. Il 3-1 recante la firma rossoazzurra di Cani, Calaiò e Martinho può essere un ottimo trampolino di lancio per il futuro.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento