Calcio

Catania, per Paolucci è il momento di tornare a ruggire

Paolucci
27 ott 2016 - 11:34

CATANIA - Un digiuno di reti da interrompere, una tifoseria da soddisfare dopo le note vicissitudine societarie che avrebbero stordito chiunque. Importante responsabilità per Michele Paolucci. In estate, conclusa l’esperienza in Romania, l’attaccante ha deciso di tornare nel nostro Paese e sposare il progetto Catania nonostante la militanza in Lega Pro. La palude della terza serie non lo spaventa, impensabile vedere una realtà come quella etnea ritrovarsi in questa categoria.

Lui che alle pendici dell’Etna ha lasciato il cuore, non poteva continuare ad accettare la situazione attuale. Nel momento in cui l’Amministratore Delegato Pietro Lo Monaco ha rimesso piede a Catania, Paolucci non ci ha pensato due volte ad accettare la proposta di fare ritorno in Sicilia. Troppo forte il richiamo della città etnea, impossibile dimenticare il calore speciale di una tifoseria sinceramente innamorata e restano memorabili i tempi della A. Un autentico turbinio di emozioni, le stesse provate da Paolucci alla conferenza stampa di presentazione quest’anno.

Dopo un precampionato caratterizzato da una raffica di gol, Paolucci ha iniziato nel migliore dei modi l’avventura in Lega Pro entrando nel tabellino dei marcatori contro la forte Juve Stabia. Un 3-1 che sembrava potesse spianare la strada verso una lunga serie di vittorie del Catania e, invece, ha rappresentato solo l’inizio di un percorso fatto di mille ostacoli. Rendimento altalenante e momento difficile attraversato da Paolucci che, ben presto, da titolare fisso si è ritrovato a partire dalla panchina ricevendo anche più di qualche critica.

La Lega Pro è dura ma, adesso che si avvicina l’impegno casalingo con la Paganese, il Catania ha la concreta possibilità di dare continuità all’importante successo in campionato con la capolista Lecce. Paolucci, alla luce della prestazione opaca di Caetano Calil, potrebbe tornare al centro dell’attacco dal 1’. L’attaccante di Recanati si sta impegnando duramente in allenamento, vuole tornare a ruggire e domenica non c’è occasione migliore per farlo davanti ai propri tifosi. Trascinando più in alto l’Elefante ferito ma orgoglioso e fiero delle sue origini.

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA