Calcio

Catania, Pancaro: “A Castellammare di Stabia sarà dura”

pancarogiuseppe
29 ott 2015 - 18:17

CATANIA - Conferenza stampa di Giuseppe Pancaro a Torre del Grifo Village in vista della partita che il “suo” Catania disputerà domenica pomeriggio allo stadio Romeo Menti contro la Juve Stabia. L’allenatore rossoazzurro non si fida affatto della compagine stabiese. “Conosco l’ambiente, la squadra della Juve Stabia. Ho vissuto momenti bellissimi in Campania nella passata stagione, conservo ricordi piacevoli a prescindere dall’esonero. Gli stabiesi sono una squadra forte, che hanno pagato finora i numerosi infortuni e risaliranno sicuramente la classifica lottando per il vertice una volta che recupereranno tutti gli effettivi. Sarà una partita difficile, dovremo farci trovare pronti”.

Ultimamente il Catania ha preso qualche gol e la squadra segna poche reti in trasferta. Aspetti da migliorare, soprattutto il secondo. “Delle reti subite nell’ultimo periodo, consideriamo che due sarebbero irregolari perché frutto di calci di rigore che non andavano concessi. Per quanto concerne la difficoltà ad andare a segno fuori casa, il dato va sicuramente migliorato e conferma la tesi secondo cui il fattore campo conta particolarmente in questa categoria”.

Per quanto concerne le defezioni che si registrano in squadra, Pancaro fa il punto della situazione. Plasmati e Musacci stanno recuperando dai rispettivi infortuni, forse saranno disponibili entrambi per la partita successiva a quella di Castellammare di Stabia. Mancheranno giocatori importanti come Scarsella e Castiglia ma potrò sostituirli adeguatamente”.

Considerazione finale sugli attaccanti Calderini, Barisic, Rossetti e Di Grazia. “Elio mi piace perché è un attaccante completo. Maks mi fornisce garanzie adeguate e sono contento della sua prova offerta ad Agrigento. Rossetti veniva da un infortunio ed ha risposto presente sul campo, bene anche Di Grazia. Sono giovani con potenzialità importanti, facciamoli crescere senza eccessive pressioni”.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento