Calcio

Catania, pagelle: Musacci torna a fare il Musacci, Nunzella sottotono

catania8
13 feb 2016 - 23:07

CATANIA - Ennesimo pareggio per la formazione dell’Elefante, il pubblico non gradisce. Primo tempo scoppiettante contro il Lecce, ripresa soporifera. Newsicilia.it attribuisci i voti ai rossoazzurri, al termine del match pareggiato a reti inviolate al cospetto del forte avversario salentino. Musacci tra i migliori in campo.

Luca Liverani 6: qualche lieve incertezza ma anche alcuni buoni interventi. Provvidenzialmente, in particolare, al 14’ sul colpo di testa a botta sicura di Moscardelli respingendo la conclusione dell’esperto attaccante.

Desiderio Garufo 5.5: commette un ingenuo fallo da rigore nelle battute iniziali del match. Per sua fortuna Moscardelli fallisce il penalty. Per il resto fa il suo.

Dario Bergamelli 6.5: qualche lieve sbavatura, nel contesto di una positiva prestazione. Globalmente fa buona guardia al centro.

Alessandro Bastrini 6.5: schierato dal 1’ in coppia con Bergamelli, il difensore è abbastanza preciso ed attento in marcatura.

Leonardo Nunzella 5: forse la peggiore performance stagionale. Solitamente il pubblico di Catania è abituato ad apprezzarlo per la spinta notevole capace di garantire sulla corsia di sinistra, stavolta il terzino è sottotono e soffre le scorribande laterali del Lecce.

Davide Agazzi 6: Sia da mezzala che in cabina di regia, combina qualità e quantità giocando con personalità.

Gianluca Musacci 7: Finalmente si rivede il miglior Musacci. E’ la fonte del gioco rossoazzurro, disegna buone traiettorie e valide geometrie. Quando viene sostituito nella ripresa, guarda caso si spegne la luce del centrocampo.

Domenico Di Cecco 6: combatte e mette ordine in mezzo al campo.

Luigi Falcone 6: tenta di sfondare dalle sue parti, ingaggia bei duelli con la difesa giallorossa producendo interessanti azioni d’attacco.

Caetano Calil 6: molto generoso il brasiliano. A più riprese Perucchini, portiere giallorosso, gli dice di no. Cala nella ripresa ma si sacrifica parecchio per la squadra fino al triplice fischio dell’arbitro.

Elio Calderini 5.5: l’impegno c’è, purtroppo però gli manca il guizzo giusto negli ultimi metri.

Arturo Lupoli 5.5: subentra a Calderini ma non incide nell’economia della gara.

Francesco Bombagi 5.5: idee confuse per il centrocampista prelevato dalla Juve Stabia.

Tino Parisi s.v.: subentra nel finale a Nunzella, ingiudicabile.

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA