Calcio

Catania, pagelle: Liverani e Bergamelli non bastano, passi indietro per Musacci

IMG_20160227_154555
27 feb 2016 - 18:15

CATANIA - La redazione di Newsicilia.it attribuisce i voti ai rossoazzurri, al termine del match che il Catania ha perso tra le mura amiche contro la Casertana.

Luca Liverani 6.5: la difesa dorme, lui è reattivo e fa quel che può per proteggere la propria porta. Impotente sul gol di De Angelis, effettua un paio di interventi provvidenziali.

Desiderio Garufo 5.5: spinge poco e male, fatica in fase difensiva ma effettua un buon intervento nel primo tempo.

Stefano Ferrario 4.5: Prestazione tutt’altro che da incorniciare. Commette parecchi errori, in alcuni casi il compagno di reparto lo “grazia” tappando i buchi lasciati da lui. Commette il fallo ingenuo che costa il calcio di punizione in favore della Casertana dal quale scaturisce il gol.

Dario Bergamelli 6: prova a sopperire alle ingenuità dei compagni di reparto, in più di un’occasione ci riesce. Non si segnala per svarioni difensivi.

Leonardo Nunzella 5: ci si aspettava ben altra prova da lui, dopo avere osservato un turno di riposo a Catanzaro. Mediocre il rientro in campo del terzino sinistro.

Davide Agazzi 5: l’impegno c’è, ma dovrebbe inserirsi di più e meglio. A nostro avviso, il centrocampista dà il meglio di sè come regista, non nelle vesti di mezzala dove Pancaro lo colloca partita dopo partita.

Gianluca Musacci 4.5: si era segnalato in ripresa nelle ultime gare. Deciso passo indietro in termini prestativi per l’ex centrocampista del Parma

Domenico Di Cecco 5: non un pomeriggio da ricordare per il neo acquisto rossoazzurro. Commette spesso errori piuttosto grossolani in fase d’impostazione.

Andrea Russotto 5.5: corre, spinge, tenta di saltare l’uomo ma la difesa casertana fa buona guardia. Crea qualche valida occasione per andare a segno ma non incide.

Caetano Calil 5: Pancaro gli chiede un lavoro di grande sacrificio. Lui è generoso ma non riesce in alcun modo a pungere là davanti sciupando anche delle buone opportunità.

Elio Calderini 5.5: si vede poco negli ultimi metri, ma partecipa alla manovra offensiva rossoazzurra nel primo tempo creando alcuni presupposti interessanti per fare male alla difesa campana. Viene sostituito nella ripresa.

Luigi Falcone 5.5: prova ad accendere la luce nella ripresa. Qualche lampo, però, non basta per raggiungere l’intento.

Arturo Lupoli 5: sostanzialmente innocuo per i difensori casertani.

Tino Parisi s.v.: subentra nel finale a Garufo, ingiudicabile.

 

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA