Calcio

Catania, Lo Monaco: “Con Pozzebon amore a prima vista. Lodi? Era nostro, ma…”

pozzebon lo monaco
3 feb 2017 - 13:21

CATANIA - L’Amministratore Delegato del Calcio Catania Pietro Lo Monaco presenta a Torre del Grifo il neo acquisto Demiro Pozzebon. “Pozzebon è l’ultimo dei nuovi arrivati. Noi siamo contenti di averlo acquisito, ha colpito subito la gente di Catania. E’ un pozzo di buono per il Catania, mi piace immaginare questo. Ci siamo legati attraverso un contratto pluriennale. Mi auguro possa avere e dare tante soddisfazioni. E’ un attaccante di lotta. Io in passato lo vidi giocare ad Avellino da esterno offensivo destro. Cercavamo la punta a gennaio, ma quando ho assistito a Catania-Messina capì subito che Demiro potesse essere un giocatore adatto alle nostre esigenze. Poi subentrano particolari dinamiche di mercato. Diciamo che è stato il nostro obiettivo primario dal primo momento”.

Il dirigente di Torre Annunziata conferma che l’obiettivo è giocarsi la promozione in Serie B tramite l’accesso ai Play Off“Noi siamo sempre intervenuti a gennaio per colmare determinate lacune, senza stravolgere nulla. In estate non riuscimmo a completare l’opera. Adesso ci aspettano quattro mesi di trincea, giocando ogni gara come se fosse l’ultima e mantenendo viva la speranza di agganciare i Play Off, possibilmente in una posizione di classifica privilegiata”.

Sul mercato, non impossibile pensare che arrivi un nuovo difensore. Lo Monaco parla anche del mancato ingaggio di Francesco Lodi“Lodi voleva fortemente il Catania, da un mese aveva il contratto già firmato con il nostro club. La risoluzione con l’Udinese ha subito un discorso un pò articolato e Francesco non è riuscito a trovare l’accordo con la società friulana per liberarsi. Non escludo che arrivi un altro difensore, ma complessivamente stiamo bene così. Non dimentichiamo che in rosa abbiamo Mbodj. Diverse squadre ce l’hanno chiesto ma abbiamo preferito non cederlo”.

Il Tianjin, ambizioso club cinese in ritiro a Torre del Grifo, disputerà una partita amichevole con il Catania. “Confermo che giocheremo con loro una gara amichevole di prestigio internazionale il 22 febbraio al “Massimino”, abbiamo chiesto l’autorizzazione”.

La parola passa a Demiro Pozzebon, entusiasta di avere sposato il progetto Catania. “Sono contentissimo di essere qui. Mi hanno contatto diverse squadre, ma appena si è presentata l’occasione di giocare a Catania non ho esitato ad accettare. Qui c’è tutto per fare bene, si lavora duro e la squadra è competitiva, compatta, con un reparto offensivo completo. La piazza mi ha fatto sentire subito il suo affetto, anche quando giocavo nel Messina. I problemi societari del Messina hanno inciso parecchio, però il blasone del Catania era un fattore da tenere in grande considerazione. Ho sempre messo in cima alle preferenze la destinazione etnea. Devo cercare di ripagare nel migliore dei modi la fiducia della società e del mister. Io lotto, do tutto fino al 90′. Questa è la mia caratteristica principale. Mi piace battagliare in campo. Posso garantire che darò sempre il massimo. Ovviamente vivo per il gol, nella mia testa c’è l’obiettivo di farne ma, per scaramanzia, preferisco non dire quanti…”.

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA