Calcio a 5

Un nuovo Catania a Matera: ma non basta, gambe pesanti per i nuovi arrivi

Calcio a 5
23 gen 2016 - 19:04

CATANIA - Match che si conclude con un pesante 5-0 per il Matera: un Catania che nonostante gli ultimi arrivi non ha avuto il tempo di creare l’affiatamento necessario.

Inizia con una buona partenza il team di Cannavò che si mostra finalmente con un maggior equilibrio grazie anche alla presenza di un roster esperto e ricco di qualità. Il risultato viene già sbloccato però al sesto minuto grazie all’estro di Bavaresco. Da parte dei rossoazzuri manca però l’azione pericolosa e soprattutto la rete con Duda Dalcin, stavolta in due occasioni poco aggressivo sotto porta. Gol che purtroppo arriva per il Matera che in due minuti sigla un uno-due taglia gambe sfruttando errori difensivi degli etnei: al minuto 16 prima Massa trova lo spazio perfetto per battere Marcio Dalcin e centoventi secondi dopo sulla dormita del Catania ancora Bavaresco sigla il più tre in favore della Domar Takler.

Poco affiatamento e blocco squadra, questo ciò che denota il Catania, con i nuovi arrivati che non hanno avuto abbastanza tempo per lavorare insieme alla squadra. Nella ripresa, ancora Massa riesce a sorprendere la difesa etnea e realizza il 4-0 per i padroni di casa dopo sette minuti. Un Catania che non riesce a riprendersi e la condizione precaria di molti non aiuta gli uomini di Cannavò. Il passivo purtroppo diventa pesante con il 5-0 del neo entrato Gattarelli. Al Tensostruttura di Matera fisce cosi con la vittoria del Matera e l’amara sconfitta per i rossazzurri ancora a secco e purtroppo ancora ultimi in classifica.

Ora però è il momento di concentrarsi sulla gara casalinga, per riuscire, finalmente a rialzare la testa. Una partita assolutamente da vincere quella contro quel Sammichele battuto all’andata e che rappresenta l’unico squillo degli etnei in stagione. Uno squillo indispensabile perché adesso non manca nulla e la qualità dei nuovi arrivati deve venire fuori. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento