Lega Pro

Catania e Siracusa, è l’ora di vincere: probabili formazioni (Playoff)

pallone_lega_pro1-2
14 mag 2017 - 09:36

Le prime sorprese sono arrivate già dalle prime due sfide che si sono disputate ieri: la Sambenedettese e la Lucchese hanno avuto la meglio, entrambe in trasferta, rispettivamente sui campi di Gubbio ed Arezzo. Adesso per gli abruzzesi ci sarà la doppia sfida contro il Lecce, mentre l’avversario dei rossoneri sarà uno tra Padova ed Albinoleffe. È tempo di sorprendere anche per Catania e Siracusa che, seppur in orari diversi, oggi affronteranno il loro primo turno dei playoff di Lega Pro e cercheranno di approdare alla fase successiva.

I rossazzurri scenderanno in campo alle 15 al “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia contro i padroni di casa della Juve Stabia di mister Guido Carboni. Gli uomini del tecnico Giovanni Pulvirenti hanno dalla loro un morale ritrovato e l’esperienza di categoria che adesso deve necessariamente saltare fuori. Il Siracusa di Andrea Sottil, oggi assente per squalifica, ospiterà la Casertana al “De Simone”: gli aretusei anche con un pareggio accederebbero al secondo turno, dove ad attenderli ci sarebbe l’Alessandria. Appuntamento alle 20,30.

Scopriamo quali potrebbero essere le formazioni che scenderanno in campo per queste importanti sfide playoff:

JUVE STABIA – CATANIA (Stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia, Ore 15,00)

JUVE STABIA (4-3-3): Russo; Cancellotti, Atanasov, Morero, Liviero; Matute, Capodaglio, Mastalli; Kanoute, Ripa, Lisi. All. Carboni

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Parisi (De Rossi), Gil, Marchese, Djordjevic; Bucolo, Scoppa, Mazzarani; Di Grazia, Pozzebon, Manneh. All. Pulvirenti


 

SIRACUSA – CASERTANA (Stadio “Nicola De Simone” di Siracusa, Ore 20,30)

SIRACUSA (4-2-3-1): Santurro; Diakitè, Turati, Cossentino, Pirrello; Giordano, Spinelli; Longoni, Catania, Azzi; Scardina. All. Cristaldi (Sottil squalificato)

CASERTANA (4-3-3): Ginestra; Finizio, D’Alterio, Rainone, Ramos; De Marco, Rajcic, Magnino; Cisotti, Corado, Ciotola. All. Esposito

Commenti

commenti

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA