Calcio

Catania, digiuno interrotto. La firma di Calil a Rieti

catania1
28 nov 2015 - 17:41

CATANIA - Digiuno interrotto. Dopo due mesi, il Catania torna a vincere in trasferta. Lo fa piegando la Lupa Castelli Romani allo stadio Manlio Scopigno. Risultato di 1-2 ampiamente meritato per i rossoazzurri davanti a oltre 100 tifosi del Catania. Nonostante si sia posta in evidenza la cifra tecnica nettamente superiore della squadra di Pancaro contro un modesto avversario, sul rettangolo di gioco non è stato un match piacevolissimo a vedersi. Diverse le occasioni da gol costruite dal Catania che, comunque, a sprazzi ha sofferto nell’arco dei 90 minuti la voglia di sorprendere dei padroni di casa.

Nella prima mezz’ora Rossetti, Calderini e Garufo provano ad impensierire l’estremo difensore Secco ma non riescono a trovare la via della rete. Al 28′, in particolare, grande occasione di Rossetti la cui conclusione viene respinta dal portiere capitolino. La palla rimane lì, l’azione prosegue e Scarsella centra in pieno la traversa. Al minuto 42 ancora Secco protagonista di un ottimo intevento, poi la girata di Pelagatti respinta dalla difesa. Poco prima dell’intervallo, finalmente, il Catania sblocca il risultato. Fallo su Calderini dopo una respinta goffa di Secco su potente conclusione di Nunzella, conseguente calcio di rigore che Calil trasforma impeccabilmente.

Nella ripresa tanti sbadigli fino ad arrivare all’opportunità ghiotta sprecata da Calil che, al 59′, è bravo a rubare palla ed avanzare verso l’area, finta di corpo, tira di sinistro con il corpo sbilanciato all’indietro ed il pallone termina alto. Il match è in mano al Catania, poco preciso però sottoporta. Così, la spietata legge del gol punisce i rossoazzurri e premia la generosità dei padroni di casa che segnano il sorprendente 1-1. Al 61′ Garufo sbaglia completamente il contrasto, cross in mezzo, assist involontario di un giocatore laziale per Siclari che spedisce in rete.

Attimi di sbandamento per il Catania, la Lupa è invece galvanizzata dal pari e cerca addirittura il gol del sorpasso. A venti minuti dal 90′, il Catania si rigetta in avanti. Il neo entrato Plasmati sfiora il 2-1 con un colpo di testa centrale, qualche minuto dopo serve di tacco Calderini che, però, calcia alle stelle. Al 76′ ci pensa ancora una volta Calil a mettere le cose a posto. Pregevole l’assist di Nunzella, ancora di più il tiro al volo del brasiliano che non sbaglia. Nel finale il Catania gestisce il prezioso vantaggio fino allo scadere dei tre minuti di recupero concessi.

LUPA CASTELLI ROMANI – CATANIA, TABELLINO PARTITA

Marcatori: 45′ Calil, 61′ Siclari, 76′ Calil

LUPA CASTELLI ROMANI (4-3-3) Secco; Rosato, Petta, De Gol, Ferrari (82′ Mancini); Strasser, Aquaro, Morbidelli, Mastropietro (53′ Volpe), Scardina (65′ Roberti), Siclari. A disp. Tassi, Lucarini, Carta, Mazzei, Proietti, Kosovan, Ricamato All. Cioci.

CATANIA (4-3-3) Bastianoni; Garufo (82′ Ferrario), Bergamelli, Pelagatti, Nunzella; Agazzi, Musacci (74′ Lulli), Scarsella; Calderini, Calil, Rossetti (62′ Plasmati). A disp. Ficara, Bacchetti, Russo, Di Grazia, Barisic. All. Pancaro.

Arbitro: Andrea Mei di Pesaro.

Ammoniti: Agazzi, Siclari, Lulli

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento