Calcio

Catania, difesa blindata ma attacco con le polveri bagnate

Vicenza vs Catania 5
18 mar 2015 - 19:24

CATANIA - Ancora un pareggio a reti inviolate. Risultato che consente al Catania di avanzare a piccoli passi, troppo piccoli al momento per pensare di raggiungere la permanenza in Serie B. La salvezza, di fatto, ormai è diventato il nuovo obiettivo della società rossoazzurra che fino a non molte settimane fa parlava apertamente di speranza playoff, una volta fallita la promozione diretta. Le parole però non trovano riscontro nei fatti. L’auspicio è che, quantomeno, il Catania riesca a difendere la categoria.

È già paradossale vivere l’incubo attuale, retrocedere in Lega Pro sarebbe qualcosa di assolutamente imprevisto che sfiorerebbe il tragicomico. La squadra è stata praticamente rifatta nel mercato di gennaio con innesti mirati ad una pronta risalita in classifica. Purtroppo per la formazione dell’Elefante, i successi convincenti ottenuti al cospetto di Pro Vercelli e Perugia sono stati soltanto illusori. Quel Catania sembrava volare sul rettangolo di gioco, faceva davvero ben sperare per il prosieguo della stagione.

I tifosi già immaginavano una rimonta stile Palermo, invece i rossoazzurri non sono riusciti ad imitare i “cugini”, essendo ripiombati in piena crisi di gioco e risultati. Adesso si riparte dai timidi progressi evidenziati lontano dal Massimino attraverso l’utilizzo del modulo 3-5-2. La fase difensiva ne ha beneficiato, vedremo se il reparto offensivo comincerà a dare i primi effettivi segnali di ripresa.

Nelle ultime tre trasferte disputate a Bari, Modena e Vicenza, il Catania ha messo a segno soltanto un gol. Al San Nicola nel contesto di una partita in cui, per la verità, di ghiotte occasioni da rete per i rossoazzurri se ne sono viste ben poche. Gol merito di una geniale intuizione di Rosina, che ha servito un assist al bacio per il giovane Rossetti, altrettanto bravo a mantenere i nervi saldi battendo Guarna. Adesso un nuovo match esterno per il Catania. A Chiavari l’attacco riuscirà a sbloccarsi? 

Commenti

commenti

Livio Giannotta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento