Basket

Cantù è troppo per l’Upea: finisce 93-67

Giulio Griccioli
Giulio Griccioli, coach dell'Orlandina
4 apr 2015 - 22:33

COMO - L’Orlandina basket cede a Cantù, lanciatissima verso la zona play-off. Schiacciante la prova dei lombardi, che arrestano la serie positiva del roster siciliano.

Nel primo quarto Cantù dimostra subito di avere una marcia in più, trovando il primo canestro del match con Buva. L’Orlandina dà l’impressione di poter dar battaglia con la tripla di Archie. La squadra di casa ritrova il vantaggio, ma il roster guidato da coach Giulio Griccioli riesce a tenere il passo grazie ad Henry. Poi, si rompe qualche ingranaggio e Cantù dilaga. I paladini non riescono a replicare, trovando poco spazio e poche conclusioni a canestro. A differenza della squadra di casa, che sembra davvero irraggiungibile: Buva, Shermadini, Gentile, World Peace, Jones e Williams tagliano le gambe ai siciliani. L’unico orgoglio che rimane all’Upea è l’ultimo canestro dei primi dieci minuti messo a segno da Nicevic: 29-11.

Nel secondo quarto, la tripla di Archie è una boccata d’ossigeno per l’Orlandina, ma serve a poco, dato che la successiva bomba di Awudu Abass annulla lo sforzo fatto. Poi, ancora una tripla, quella di Feldeine, consente a Cantù di riportarsi in vantaggio nel parziale (7-5). Hunt e Mc Gee provano a risollevare il morale all’Upea, ma Jones e Shermandini vanificano ancora le possibilità di rilancio dei paladini. Nell’ultimo minuto, la tripla di Feldeine consente ancora l’allungo ai lombardi, che chiudono a metà gara con uno schiacciante +25: 49-24.

Dopo la sosta lunga è un’ Orlandina più determinata, complice la sicurezza degli avversari. È Hunt a trascinare i paladini, ma Cantù è sempre pronta a rispondere e a non concedere troppo vantaggio agli avversari. Salgono in cattedra anche un buon Campbell e un altrettanto pregevole Mc Gee, che con le loro triple consentono all’Upea di sperare nel successo del parziale. E così è, quando Pecile ci mette del suo piazzando una bomba: 24-27 (73-51).

Il distacco resta comunque ampio e l’ultimo periodo è una sorta di formalità per Cantù. L’Orlandina dà battaglia, ma il destino è già segnato. Alla sirena, il tabellone segna 93-67.

Tabellino

Acqua Vitasnella Cantù – Upea Capo D’Orlando 93-67 (29-11, 20-13, 24-27, 20-16)

Cantù: Johnson Odom 8, Feldeine 15, Awudu Abass 5, Bloise, Laganà, Maspero, Jones 10, Shermandini 10, Buva 12, Gentile 5, Williams 9, World Peace 19. Allenatore: Stefano Sacripanti

Orlandina Basket: Archie 13, Hunt 6, Munastra, Nicevic 8, Pecile 8, Karavdic, Henry 12, Mc Gee 9, Bianconi, Campbell 11, Strati. Allenatore: Giulio Griccioli 

 

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento