Calcio

‘Blackout’ Palermo: il Torino fa poker al Barbera

img_4759
17 ott 2016 - 22:52

PALERMO - Una serata molto amara per il Palermo che smorza un po’ l’entusiasmo portato da De Zerbi. Vince il Torino grazie a Ljajic e Iago Falqué. La squadra rosanero si vede poco e nulla, ecco cosa è accaduto nel dettaglio.

IL PRIMO TEMPO (Azioni Salienti):

3′: Torino, occasione per Benassi. Perfetto il servizio di Belotti ma la conclusione del capitano del Toro viene respinta da Posavec.

4′: Torino, i granata partono forte e si rendono pericolosi stavolta con Valdifiori. Gran destro del centrocampista ex Napoli che viene neutralizzato ancora da Posavec.

5′: GOL PALERMO! Ha segnato Chochev! Parte forte il Torino ma segnano i padroni di casa. Splendido traversone di Diamanti per il centrocampista bulgaro che salta più in alto di tutti e trafigge Hart con un ottimo colpo di testa. 1-0 al Barbera, che inizio!

10′: Palermo, prende coraggio la squadra di De Zerbi. Stavolta è Rispoli sulla fascia destra a rendersi pericoloso ma viene fermato da un buon intervento di Barreca.

14′: Palermo, problemi per Bentivegna. Il giovane è stato schierato a sorpresa da De Zerbi ma si ferma per un problema al muscolo della gamba sinistra. Gioco fermo.

15′: Sostituzione Palermo, non ce la fa Bentivegna. Dentro Hiljemark.

16′: Palermo, Hiljemark si fa vedere subito con un interessante cross al centro. Diamanti colpisce male di testa, facile per Hart.

19′: Torino, buona opportunità per Belotti che viene servito da Ljajic ma la conclusione è deviata dal difensore rosanero Andelkovic. Calcio d’angolo che poi viene viziato da un fallo in attacco.

20′: Si sono spenti diversi fari del Renzo Barbera, la tribuna Montepellegrino è totalmente in ombra. L’arbitro Fabbri ha inizialmente fermato il gioco per qualche secondo ma dopo l’ok dei calciatori si prosegue.

22′: Palermo, sfondano i rosanero sulla corsia di destra. Rispoli entra in area ma il tiro viene respinto. Intanto si spengono altre luci al Renzo Barbera.

23′: Torino, gol annullato. Zappacosta mette al centro un cross rasoterra e Iago Falqué si era infilato bene nella linea difensiva del Palermo. La sua posizione, però, era irregolare.

24′: GOL TORINO! Iago Falqué serve un pallone splendido per Ljajic che la mette dentro in maniera sublime da fuori area. Super gol del serbo, totalmente dimenticato dalla difesa del Palermo. La mette nel sette, Posavec non ci può proprio arrivare. Si ritorna in parità, 1-1!

26′: Palermo, Aleesami, Chochev, Diamanti! Ottimo lo scambio tra i tre, ma quest’ultimo non riesce a coordinarsi per il tiro e ne esce un tiro non proprio impeccabile.

29′: Torino, ritmi altissimi. Iago Falqué sulla fascia destra è imprendibile e la sua velocità fatale. Pallone al centro per Belotti che si era inserito bene, chiude ancora meglio Gonzalez.

30′: Torino, tentativo di Barreca dalla distanza. Pallone che termina in tribuna. Intanto ritornano le luci al 100% al Barbera.

32′: Palermo, erroraccio di Ljajic e pallone dritto dritto per Hiljemark. Va sulla corsia e prova ad incrociare, il suo tiro però è debole e finisce ampiamente sul fondo.

33′: Palermo, che occasione! Grande azione corale che porta Aleesami davanti ad Hart che è molto bravo ad anticipare il norvegese in uscita.

33′: Ammonizione Palermo, viene sanzionato il capitano Vitiello dopo un fallo su Ljajic.

37′: Ammonizione Palermo, viene sanzionato Chochev.

40′: GOL TORINO! Ancora un grandissimo gol di Adem Ljajic che ribalta il risultato! Aleesami indeciso a centrocampo perde un pallone che viene servito a Zappacosta: cross largo ma preciso, Ljajic da posizione defilatissima trafigge un incolpevole Posavec. Adesso il Torino è avanti.

41′: Ammonizione Torino, per i granata viene sanzionato Ljajic a seguito di una mischia a centrocampo dopo il vantaggio degli ospiti.

45′: 2 minuti di recupero.

46′: GOL TORINO! Valdifiori serve Baselli che la mette per Marco Benassi. Grande azione e goal del capitano granata che stavolta buca le mani di Posavec sul primo palo. Il Palermo dopo il pari è crollato: 1-3.

47′: fine Primo Tempo. Chochev ha illuso il Palermo con un gol-lampo, poi il Torino è uscito fuori e grazie a due perle di Ljajic e alla rete quasi allo scadere di Benassi è in vantaggio. Rosanero che dopo il pari non hanno reagito creando poco e nulla: la gara numero mille in Serie A, al momento, è amara. 3-1 per gli ospiti.

IL SECONDO TEMPO (Azioni Salienti):

46′: Sostituzione Palermo, dura 30′ la gara di Hiljemark. Al suo posto, dentro Quaison.

48′: Torino, contropiede micidiale di Iago Falqué che ribalta l’azione offensiva del Palermo. Palla veramente di poco a lato dopo un buon tiro da fuori area.

50′: GOL TORINO! C’è bisogno della Gol Line Technology per certificare la rete di Daniele Baselli che dopo il calcio d’angolo la mette dentro con il destro, aiutato da un rimbalzo sul campo, quanto basta per fare il gol del 4-1. Posavec la prende troppo tardi, adesso è goleada granata.

55′: Sostituzione Torino, fuori Ljajic. Dentro Boyé.

57′: Ammonizione Palermo, viene sanzionato Gonzalez.

57′: Torino, attacco senza sosta. Prima Iago Falqué murato in area da Gonzalez, poi Boyé impegna e non poco Posavec, che spedisce in calcio d’angolo. Gli ospiti cercano il quinto gol.

61′: Palermo, prova Quaison ad affondare sulla fascia. Pallone in corner che, successivamente, si perde e finisce tra i piedi dei calciatori del Torino.

62′: Palermo, che occasione! Dormita della difesa del Toro che adesso lascia più spazi. Nestorovski era coast to coast con Hart, il macedone però spedisce la palla di poco a lato.

66′: Sostituzione Torino, esce Baselli. Dentro Obi.

67′: Palermo, adesso la squadra di De Zerbi prova a reagire soprattutto con incursioni sulla fascia sinistra. Non c’è nulla però di particolarmente importante da segnalare, ma i rosanero hanno decisamente alzato il loro baricentro.

68′: Ammonizione Palermo, viene sanzionato Andjelkovic che era rimasto solo contro Belotti. Il centravanti granata andava verso l’esterno, non è stato ritenuto (giustamente) fallo da ultimo uomo poiché non era una chiara occasione da gol.

69′: Torino, punizione battuta da Iago Falqué. Palla decisamente alta che si perde sul fondo.

72′: Palermo, che occasione su calcio d’angolo! Chochev sorprende Hart di testa ma stavolta colpisce soltanto la traversa.

76′: Sostituzione Palermo, esce Vitiello. Dentro Cionek.

78′: Palermo, Diamanti salta secco Obi, poi Nestorovski serve Quaison che non colpisce bene il pallone.

80′: Ammonizione Torino, viene sanzionato Boyé.

81′: Palermo, tiro potentissimo di Quaison che finisce di poco a lato.

84′: Sostituzione Torino, esce Valdifiori. Dentro Lukic.

85′: Si spengono improvvisamente tutte le luci del Barbera. Visibilità ridotta, Fabbri ferma il gioco.

87′: Prevale il buon senso. Manca davvero pochissimo, le condizioni ideali non ci sono ma sarebbe stato inutile sospendere il match. Intanto tutti i tifosi rosanero accendono le torcie dei loro smartphone per ‘aiutare’ simbolicamente le squadre a finire il match.

90′: 3 minuti di recupero.

90′: Palermo, colpo di testa di Cionek che finisce tra le mani di Hart.

93′: Finisce la partita. Palermo 1-4 Torino.

Una sconfitta pesante per il Palermo che però non si è disunito cercando di attaccare come poteva. Con questo risultato, i rosanero restano inchiodati al terzultimo posto a quota 6 a +1 sull’Empoli e -1 da Udinese e Pescara. Il Torino, invece, sente profumo d’Europa terzo a pari punti con Napoli e Lazio.

TABELLINO:

Palermo: 1 Posavec (voto 5,5); 2 Vitiello (5, dal 76′ Cionek), 12 Gonzalez (5), 4 Andjelkovic (5); 3 Rispoli (5), 25 Bruno Henrique (5), 18 Chochev (6), 14 Aleesami (6); 23 Diamanti (6), 27 Bentivegna (s.v., dal 15′ Hiljemark 5,5, dal 46′ Quaison 6), 30 Nestorovski (5,5). All. De Zerbi.

Torino: 21 Hart; 23 Barreca, 4 Castan, 13 Rossettini, 7 Zappacosta; 18 Valdifiori (dall’84′ Lukic), 8 Baselli (dal 66′ Obi), 14 Iago Falqué; 22 Ljaijc (dal 55′ Boyé), 9 Belotti, 15 Benassi. All. Mihajlovic.

Ammoniti: 32′ Vitiello (P), 37′ Chochev (P), 41′ Ljajic (T), 57′ Gonzalez (P), 69′ Andjelkovic (P), 80′ Boyé (T).

Recupero: 2′ 1T, 3′ 2T.

Arbitro: Michele Fabbri di Ravenna.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA