Pallanuoto maschile

Bene le siciliane in A2, Te.Li.Mar. unica nota stonata

pallanuoto
14 mag 2016 - 18:27

Nella ventunesima giornata di serie A2 girone Sud di pallanuoto la notizia è lo stop della capolista Roma Nuoto, costretta al pari dalla 7 Scogli. Bene anche le due catanesi, con la Muri Antichi che pareggia con la Promogest e la Nuoto Catania che vince contro la De Bo Aqavion. L’unica nota stonata è quella della Te.Li.Mar., battuta dal Civitavecchia, secondo in classifica.

Come detto, sorprende il pareggio della capolista Roma Nuoto, ma bisogna riconoscere i meriti dei padroni di casa. La 7 Scogli, infatti, si impone nel primo tempo per 4-1, ribaltando l’iniziale svantaggio. Nel secondo tempo, però, i capitolini cominciano la loro lenta rimonta, rimediando al gol iniziale della 7 Scogli e segnando la rete decisiva del 2-3 nell’ultimo minuto di gioco. Nel terzo periodo, poi, la Roma Nuoto ha una partenza sprint, che mette in difficoltà i padroni di casa, costretti ad inseguire, ma senza risultati (2-5). La rimonta è cosa fatta, ma l’orgoglio dei padroni di casa si fa vedere nell’ultimo quarto, vinto per 3-2 nonostante le resistenze degli avversari.

Molto bene, invece, la Nuoto Catania, che batte la De Bo Aqavion per 17- 9. Il vantaggio viene costruito lentamente, prima del definitivo colpo del k.o. nell’ultimo tempo. Il 3-2 del primo periodo e il 5-2 del secondo dimostrano che gli etnei hanno una marcia in più. Anche se nel terzo gli ospiti mettono paura strappando un pareggio spettacolare per 5-5. Come detto, negli ultimi 8 minuti, però, si concretizza la superiorità dei catanesi, che vincono per 4-0.

Storia diversa per l’altra squadra sotto il vulcano Etna. La Muri Antichi, infatti, si ferma sul 9-9 con la Promogest. Tirato il primo tempo, finito sull’1-2. Poi, i padroni di casa rimettono un piede avanti con il 4-2 del secondo. Nel terzo periodo si riafferma la parità assoluta grazie al successo per 1-2 della Promogest. Il 3-3 dell’ultimo quarto lascia invariata la situazione.

Amarezza, dunque, per la Te.Li.Mar., che deve arrendersi al Civitavecchia per 6-12. I laziali si prendono la scena nel primo quarto, vincendo per 0-2. I palermitani rispondono nel secondo trovando il pareggio grazie al 3-1 finale. Dopo la pausa lunga, però, qualcosa si rompe e il Civitavecchia prende il sopravvento vincendo per 1-6 il terzo periodo e per 2-3 l’ultimo.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA