Criminalità

In manette Modesto, l’ex giocatore del Palermo accusato di usura ed estorsione

modesto
30 ago 2016 - 10:41

PALERMO - Le accuse sono di usura e di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Francesco Modesto, 34 anni, originario di Crotone, ex calciatore di Palermo, Genoa, Reggina, Ascoli, Parma, Bologna e Crotone, insieme ad altre 13 persone, avrebbe costituito una organizzazione vicina alle cosche dei “Cicero-Lanzino” e “Rango-Zingari” che sarebbero i rappresentanti della ‘Ndrangheta nella città di Cosenza.

Al centro delle indagini del Ros, dunque, il gruppo mafioso egemone su Cosenza che, utilizzando i capitali della ‘ndrangheta, offriva prestiti a tassi di interesse del 30%.

Tra gli arrestati, anche il calciatore professionista, Francesco Modesto, attualmente svincolato.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa in programma alle 11 alla Procura della Repubblica di Catanzaro.

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA