Atletica

Ad Agropoli Catania 2000 2° nella finale B Tirreno

catania-2000-i-magnifici-sette
27 set 2016 - 19:13

CATANIA - Un risultato storico per l’atletica catanese, l’Asd Catania 2000 è seconda nella Finale «B» Tirreno dei Campionati Assoluti di Società ad Agropoli con gli stessi 51 punti della prima, l’Alteratletica Locorotondo, perdendone uno, quello della vittoria, per un centesimo nei 100 m, terza l’Astro 2000 Benevento-Agropoli, ferma a quota 45.

La società, fondata da Grace e Paolo Mario D’Antone, il vice Cristiano Ereddia, con l’apporto del direttore sportivo, Emanuele Biancarosa, al suo sedicesimo anno di vita, approda alla Finale «A» Argento, un pieno successo sulla scia degli allori di un tempo del Cus Catania. Ricordiamo che la formazione etnea si era classificata quarta a Matera nel 2014 con quattro podi, sempre nel «Gruppo Tirreno».

Catania 2000 ha scritto una bella pagina in terra campana e ne scriverà certamente altre ancora più belle. Una squadra giovane e fortemente motivata, capace di dare alla città di Catania e alla Sicilia intera una forte dimensione, che si era persa e che adesso è stata riconquistata. E questo per il prezioso lavoro dei dirigenti, la preparazione dei tecnici, Michele Basile, Massimo Bianca, Letizia Buggea, lo stesso Paolo D’Antone, Giuseppe Distefano, Luisa Celesia, Manuel Gallo, Domenico Grilletto, Nuccio Leonardi, Luisa Madella, Salvo Pisana, Vito Riolo, Francesco Scuderi, Andrea Tolstiks, Giuliana Zuin e degli atleti di questa splendida realtà societaria che ha bruciato tutte le tappe.

In tutto cinque i podi conquistati dalle castellesi. Superbi i piazzamenti delle gelesi di Massimo Bianca, anche se le prestazioni tecniche ne hanno risentito perché le gare si sono disputate nella mattinata e con un tempo estivo: Clara Tasca, 18 anni il prossimo 2 novembre, prima nei 3000 m siepi in 11’31”10 e la diciottenne Giorgia Di Vara, terza nei 400 m ostacoli (1’06”89). Determinante il loro contributo alla compatta compagine, con Clara che, in una gara tattica, fa valere il suo finale e Giorgia che non demorde, a ridosso della seconda, Rebecca Foschi (1’06”07). La siepista vanta il primato regionale juniores di 11’09”22 sulla distanza, crono ottenuto con il settimo posto agli Assoluti di Rieti ed è sesta nelle liste italiane juniores 2016, mentre Giorgia, l’altro gioiello di Bianca, è in netta ripresa. Seconda la staffetta 4×400 con Silvia Saraceno, Karolina Strakovska, Alessia Leone, Giulia Magno, 4’04”57 il tempo del magnifico quartetto, imbattibile la forte Atl. Roma Acquacetosa (3’57”37). Al terzo posto, la 28enne lituana di Vilnius, Jolanta Verseckaite, seguita da Michele Basile, 5,77 nel lungo, dove ha un personale di 5,96 e Aurora Picone, la promettente allieva di Giuseppe Distefano, 35,75 nel disco. Giulia Magno, guidata da quasi due anni alla velocità pura da Manuel Gallo, è quarta nei 400 in 57”64, a sette centesimi da personale, ottenuto il 4 giugno a Messina. Giulia, tre ore e mezza dopo, porterà la 4×400, come detto, da ultima frazionista alla seconda piazza. Pure quarta Grazia Pusillico nella marcia sui 5 km e settima l’altra marciatrice, Désirée Di Maria, le due brave atlete di Vito Riolo.

catania-2000

 

Curiosa questa gara allo Stadio «Raffaele Guariglia», una cosa mai vista, gli atleti maschi nelle prime tre corsie e le donne in quelle esterne, in modo da essere separati. Grazia, 16 anni appena compiuti, ha chiuso in 26’37”63, terza allieva di tutta Italia in questi C.d.S., dietro Laura Borghi, 26’22”11 a Cinisello Balsamo e Alessia Mastronicola, qui seconda in 26’01”34. Désirée si è difesa bene, pur con il caldo delle ore 14, in 27’06”09. Altri punti hanno conseguito Simona Vassallo, allenata da Domenico Grilletto, quinta nei 1500 in 4’46”76 e la staffetta 4×100 composta da Giorgia Di Vara, Chiara Nigro, Beatrice Scuderi, Karolina Strakovska, settima in 50”83.

Michelangelo Granata

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA