Dichiarazioni

Il sindaco Accorinti: “L’amministrazione sosterrà l’ACR Messina”

13 giu 2015 - 11:56

MESSINA - “Amareggia fortemente tutti gli sportivi messinesi la conclusione della stagione sportiva della squadra della nostra Città, l’ACR Messina, che dopo tanti sacrifici per tornare nei campionati di serie professionistica, dovrebbe di nuovo disputare campionati che certamente non sono all’altezza della tradizione calcistica e della passione del propri sostenitori”. 

Queste le parole del primo cittadino, Renato Accorinti, sull’attuale situazione del team messinese e degli impianti sportivi.

“Ritengo doveroso, anche per informare i cittadini in maniera puntuale, ricordare – si legge – che gli interventi effettuati per lo stadio San Filippo (collaudo statico decennale e videosorveglianza i più importanti) hanno comportato per il Comune di Messina una spesa di 117 mila euro, oltre gli importi relativi ai continui interventi manutentivi. È necessario anche informare che a fronte dell’utilizzo negli ultimi anni degli stadi San Filippo e Giovanni Celeste, questo Comune vanta nei confronti della società ACR Messina crediti per 197.060,00 euro, oltre le quote a carico della società per i consumi elettrici (10% come da delibera 752 del 27.08.2012 e 36% come da delibera 932 del 28.11.2013). È pur vero che, come avviene anche per altri impianti ed altre società, sono state presentate fatture documentate da portare in compensazione, ma queste ammontano ad un totale di soli 14.908,20 euro. Tutto questo per ribadire, comunque, che l’attenzione nei confronti della società che rappresenta la squadra della nostra Città è stata massima e si è andato incontro ad ogni richiesta che poteva essere accettata”.

Il sindaco, inoltre, respinge le accuse che riguarderebbero presunti progetti per la realizzazione di nuovi impianti sportivi e quelle relative alla “concessione ad una società dello stadio San Filippo per l’organizzazione di due eventi musicali nel prossimo mese di luglio” che, precisa Accorinti, “necessitano di una doverosa, ulteriore precisazione: invece che pagare, come avveniva in passato, il Comune di Messina, quindi i messinesi, incasseranno cinquantamila euro dall’organizzazione di questi concerti; in tutte le Città del mondo, chiedete alle migliaia di ragazzi che li frequentano, gli stadi non solo d’estate vengono utilizzati con questi fini e nessuno si lamenta, anzi”.

Il primo cittadino, inoltre, sottolinea che la “passione dei tantissimi sportivi nei confronti dell’Acr Messina resterà certamente immutata e questa amministrazione sosterrà, nei limiti di ciò che è consentito, chiunque abbia interesse a rinnovare i successi che i colori giallorossi hanno ottenuto nella propria gloriosa storia”.

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento