Danza

“Scenario Pubblico”: serate del 5 e 6 con Aterballetto e Compagnia Zappalà

Arteballetto
4 nov 2016 - 18:35

CATANIA - Questo fine settimana, nell’ambito della stagione Dare 16/17 di Scenario Pubblico, l’Aterballetto e la Compagnia Zappalà Danza torneranno a condividere la scena in un programma già proposto con successo lo scorso aprile a Reggio Emilia alla Fonderia39, sede dell’Aterballetto. Questa è solo una delle diverse tappe di un percorso di collaborazione e condivisione intrapreso dai due organismi, che nel 2015 hanno ottenuto il riconoscimento di Centri Nazionali di Produzione della Danza dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, solo tre in Italia.

dare-foto-20-da-74bpm-foto-di-alfredoanceschi

La ricca serata proposta a Scenario Pubblico è composta da quattro diverse coreografie di Michele Di Stefano, Philippe Kratz e Roberto Zappalà, in cui si alterneranno gli interpreti delle due diverse compagnie. La Compagnia Aterballetto, compagnia di punta del panorama italiano che manca da Catania da circa 20 anni, proporrà le creazioni #hybrid, suggestivo passo a due, e Upper-East-Side, coinvolgente coreografia con l’intera compagnia, mentre la Compagnia Zappalà Danza chiuderà con Foulplay ispirato a una commedia di Samuel Beckett e 74 bpm lavoro ritmato sulle musiche di Salvo Farruggio batterista dei Lautari. Data l’eccezionalità della serata è stata prevista anche una replica fuori programma, la domenica 6 novembre alle ore 16.30, oltre le due repliche in abbonamento sabato 5 nov alle 20.45 e domenica alle 19.00.

Sabato mattina, inoltre, alle ore 10.30 Roberto Zappalà, coreografo e direttore artistico della Compagnia Zappalà Danza e Giovanni Ottolini, direttore generale dell’Aterballetto/Fondazione Nazionale della Danza incontreranno la stampa per presentare il progetto di collaborazione che comprende anche la costituzione di una rete con realtà attive in Spagna, Francia, Paesi Bassi, Danimarca, Repubblica Ceca per favorire un maggiore inserimento della danza italiana nello scenario europeo.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA